Damian Priest è ancora scioccato dall'addio di Vince McMahon



by   |  LETTURE 1330

Damian Priest è ancora scioccato dall'addio di Vince McMahon

È passata una settimana esatta dalla clamorosa notizia del ritiro di Vince McMahon. L’ormai ex Chairman della WWE ha deciso di farsi da parte lasciando tutti quanti a bocca aperta. Il suo ruolo è stato assunto da sua figlia Stephanie e da Nick Khan, mentre Triple H è stato messo a capo del team creativo.

Da un’inchiesta del Wall Street Journal, era emerso che Vince aveva dato 3 milioni di dollari ad una ex dipendente con cui aveva avuto una relazione extraconiugale. Nelle settimane successive, erano venuti a galla altri pagamenti in favore di ex dipendenti donne.

Secondo l’ex writer della WWE e della WCW Vince Russo, l’addio di McMahon è soltanto una farsa: “Conosco bene Vince, avendo lavorato a stretto contatto con lui per molti anni. Se credete che si sia ritirato, allora siete dei polli.

Pensate davvero che starà a casa a leggere un libro o che andrà a farsi una passeggiata in riva al mare? Potrebbe non apparire più in TV o in ufficio, ma sarà ancora lui a gestire l’azienda”.

Il ritiro di Vince ha scioccato tutti

Nel corso di una recente intervista a Nick Hausman per ‘Wrestling INC.’, Damian Priest – membro di spicco del Judgment Day – ha parlato del ritiro di Vince McMahon: “Sono felicissimo di aver fatto parte del suo mondo.

Quando si è ritirato, siamo rimasti tutti quanti a bocca aperta. Eravamo convinti che quel momento non sarebbe mai arrivato. È bello far parte dell’azienda nel momento in cui è successo, sono testimone della storia.

Mi ricorderò sempre dov’ero nel momento in cui ha annunciato il ritiro” – ha dichiarato Priest a poche ore da SummerSlam 2022. Anche il mitico Ric Flair ha voluto esprimere la sua opinione al riguardo: “Ci sono rimasto abbastanza male.

Adoro Vince. Non so cosa abbia in mente in questo momento, ma non ce lo vedo lontano dalla WWE. Si adatterà alla sua nuova vita, ma amava troppo questo business. Nessuno di noi sarebbe diventato ciò che è oggi senza di lui. Ci ha letteralmente creati lui”.