Ex WWE: "Ecco come sono stata limitata nel mio lavoro con la compagnia"

Nella sua ultima intervista, la lottatrice della AEW ha voluto levarsi un sassolino dalla scarpa non indifferente dopo aver abbandonato la federazione dei McMahon

by Roberto Trenta
SHARE
Ex WWE: "Ecco come sono stata limitata nel mio lavoro con la compagnia"

Molti di voi ricorderanno la lottatrice Ember Moon, dopo una lunga fase di carriera passata nel mondo delle federazioni indipendenti, tra cui la famosa Shimmer, nel 2015 approdò in WWE atttraverso il roster di NXT e grazie al quale divenne nota ai più.

Durante la sua militanza nel brand giallonero Ember vinse una volta il titolo massimo femminile e una volta il titolo di coppia femminile durante il suo ritorno nel roster che avvenne qualche anno dopo, nel 2020, in pieno periodo pandemia covid-19.

Nel main roster i risultati non furono però gli stessi di NXT e nonostante la sua militanza lì fu di un paio di anni circa, il ritorno ad NXT non salvò il suo profilo e quasi un anno fa è stata rilasciata dalla compagnia.

Dopo aver atteso la scadenza della sua clausola di non competizione con la WWE, la lottatrice è tornata a farsi chiamare Athena e dopo aver militato in alcune federazioni indipendenti per qualche show qua e là negli USA, adesso è approdata definitivamente sui ring della rivale AEW, con Tony Khan che ha voluto mettere sotto contratto The Goddess, per non farsela sfuggire.

Athena se la prende con la WWE per il suo cattivo booking

Nella sua ultima intervista rilasciata ai microfoni di Rick Ucchino per Bleav Pro Wrestling podcast, l'ex atleta della WWE ha voluto affermare:

"Quindi come ho detto mi sento di essere alta 1,55.

Nella precedente vita ero 1,55. Ed essere alte 1,55, vuol dire per forza fare cose da high flyer e saltare da una parte all'altra o fare solo cose del genere. Tutta roba di questo tipo, giusto? Non sto dicendo nulla di strano.

Questa è la minusola finestrella che mi hanno dato (in WWE ndr). E sono riuscita a trarre vantaggio anche da questo. Fortunatamente ho combattuto perché mi ero posta una sfida. Tu sei una high flyer e quindi andrai là fuori facendo cose da donna high flyer giusto? Perché sono piccola, giusto? Ho capito.

Ma prima di venire qui, io ero una tipa tecnica, ero addirittura una powerhouse. Non facevo roba da high flyer. Sapete, ho imparato perché volevo tenermi un lavoro perché avevo visto che nessuno faceva quello che facevo io all'epoca.

Adesso tutte fanno tutto.
Questo è incredibile, ma questo è quello per cui ho firmato. Questo era il ruolo che mi era stato assegnato. Ed io dissi semplicemente 'Ah, quindi è tutto qua, ugh'
".

SHARE