Wrestler storico WWE correrà per le presidenziali USA del 2024

Dopo aver smesso di lavorare nel mondo del pro-wrestling, lo storico atleta si era buttato in politica, con il suo sogno che è adesso quello di fare il presidente degli Stati Uniti

by Roberto Trenta
SHARE
Wrestler storico WWE correrà per le presidenziali USA del 2024

Nel mondo del pro-wrestling, ci sono stati moltissimi atleti che hanno fatto il lavoro del wrestler per poi dedicarsi ad altro, che con la disciplina che tanto amiamo non c'entra assolutamente niente. Uno di questi, per esempio, è adesso Kane, il quale è diventato addirittura sindaco della sua contea, la Contea di Knox dal Settembre del 2018 e che ha quindi smesso i panni da wrestler per il momento, arrivato ormai ad un'età anche abbastanza avanzata per i ring.

Un altro che ormai è inserito nel mondo della politica da anni è lo storico lottatore WWE Jesse Ventura, il quale lavorava come atleta negli anni '80 in WWF ed è poi diventato cronista per la compagnia dei McMahon, il quale ha fatto anche da governatore del Minnesota a cavallo tra la fine degli anni '90 ed i primi anni 2000.

Ventura è stato affiancato anche a Donald Trump prima che il noto miliardario americano diventasse presidente degli Stati Uniti e a quanto pare, proprio questo è il ruolo che Ventura vorrebbe ricoprire dopo la sua carriera nel mondo del pro-wrestling,

Jesse Ventura si candiderà alle presidenziali USA

Nell'ultima puntata del Talk is Jericho, importante podcast del noto ex atleta WCW e WWE, Chris Jericho, Jesse Ventura ha voluto raccontare la sua vita politica, con il suo progetto di diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti che è più vivo che mai.

Nel suo intervento, Ventura ha infatti affermato:

"Adesso è più serio che mai. Voglio dire, ci ho fatto la bocca con il Green Party di due anni fa fino a quando non ha capito che eravamo tutti divisi e non funzionava nulla.

Ma poi ho iniziato a comunicare e a lavorare molto vicino a Andrew Yang ed Andrew Yang è il vero affare ed Andrew Yang sta formando quello che serve per fare il cosiddetto Party del Futuro. E noi lo chiamiamo così perché vogliamo andare avanti e seguire il futuro - non vogliamo il passato, non vogliamo avere a che fare con i Democratici e con i Repubblicani.

Loro sono il passato, questo sarà il Forward Party e noi speriamo di riuscire ad entrare negli scrutini e candidarci col nostro nome sulla lavagna come candidati presidenziali per la convention delle elezioni del 2024. E ti dirò anche perché Chris, adesso, il 60% del paese non vuole Biden o Trump".

SHARE