The Undertaker rivela com'è nata la sua Streak a WrestleMania

The Undertaker è entrato nell’immaginario collettivo come uno dei migliori performer di tutti i tempi

by Simone Brugnoli
SHARE
The Undertaker rivela com'è nata la sua Streak a WrestleMania

The Undertaker è entrato nell’immaginario collettivo come uno dei migliori performer di tutti i tempi. La sua iconica gimmick ha trasceso il wrestling, avendo fatto innamorare intere generazioni di tifosi in ogni angolo del pianeta.

A meno di clamorosi e improbabili colpi di scena, il suo ultimo match in WWE resterà quello contro AJ Styles a WrestleMania 36. All’interno della docuserie ‘The Last Ride’, il Becchino ha ammesso di non riuscire più a sostenere i ritmi richiesti dal wrestling professionistico e di non voler rovinare la sua immagine.

Il Deadman si è ritirato ufficialmente alle Survivor Series 2020, non prima di aver ricevuto un bellissimo tributo da parte di amici e colleghi. Poco prima di WrestleMania 38, il ‘Phenom’ è stato inserito con pieno merito nella WWE Hall of Fame da Vince McMahon in persona.

Intervistato da Peter Rosenberg per ‘A&E Biography: WWE Legends’, Taker ha raccontato com’è nata la sua famosissima ‘Streak’ allo ‘Showcase of the Immortals’.

Taker è in vena di ricordi

“Ad essere onesto, non me ne sono reso conto per un po’ di tempo.

Dopo la mia vittoria contro Ric Flair a Toronto, Michael Hayes mi ha fatto notare che non avevo ancora perso a WrestleMania” – ha ricordato il Becchino. “Mi sono accorto che era vero e da quel momento ho iniziato a pensarci con discreta frequenza.

Negli anni successivi, è stata gettata sempre più benzina su quella Streak, fino a farla diventare una cosa enorme” – ha aggiunto. Taker ha poi rivelato a quali avversari si sente più legato: “Beh, la storia tra Kane e Undertaker è stata forse la più intrigante che sia mai stata raccontata nel wrestling.

La mia rivalità con Kane è in cima alla lista, perché ha avuto tantissime sfaccettature al suo interno. Non posso non citare la mia faida con Mick Foley, abbiamo fatto molte cose innovative insieme. Poi mi vengono in mente le battaglie contro Shawn Michaels e Triple H a WrestleMania. Tutti questi match erano collegati fra loro attraverso un filo sottile” – ha chiosato.

The Undertaker Wrestlemania
SHARE