Natalya: "Il wrestling mi ha salvato la vita"



by   |  LETTURE 622

Natalya: "Il wrestling mi ha salvato la vita"

Natalya è stata un pilastro fondamentale per la divisione femminile della WWE per oltre 15 anni. Tuttavia, Natalya ha avuto grandi disavventure e ciò non è avvenuto senza lotte nella vita reale.

Natalya: "La morte di mio zio ha stravolto la mia vita"

Durante il podcast "After the Bell with Corey Graves", la figlia dell'Hall of Famer della WWE Jim "The Anvil" Neidhart e l'ex campionessa femminile di Smackdown Natalya, ha parlato di come il wrestling ha cambiato in meglio tutta la sua vita: "Quando ho iniziato a essere me stessa e a non preoccuparmi del resto, ho fatto le migliori cose. Non mi sono preoccupata di ciò che tutti gli altri pensano di me ed è stato allora che ho iniziato a fare il mio lavoro al meglio. In realtà l'ho detto a Nikkita Lyons quando ero a NXT. Ho detto: 'Non ti rendi conto di quanti uomini, in particolare, amano le donne con le curve. Non sentirti in dovere di cambiare'. È un ottimo esempio per mostrare ad altre donne che non devi essere sempre così magra. Se sei davvero magra, fantastico. Ma se non lo sei, come per me,  non fa niente. Sai, la maggior parte degli atleti professionisti, la maggior parte di noi è arrivata vicino ad avere disturbi alimentari o lotta con disturbi alimentari, specialmente le donne. So che Bianca ne ha parlato, so che ne ha parlato anche Alexa Bliss. Così tante donne nel nostro spogliatoio hanno parlato di come hanno avuto a che fare con la loro immagine. Quado avevo 18-19 anni, avevo un grave disturbo alimentare ed è stato difficile".

Bianca Belair e Alexa Bliss sono arrivate entrambe al wrestling professionistico seguendo percorsi completamente diversi prima di firmare per la WWE. Bliss ha preso parte a gare di fitness mentre Belair ha stabilito dei record al college, gareggiando in atletica leggera per l'Università del Tennessee.

Da quando è arrivata per la prima volta in WWE nel 2008, Natalya ha vinto il titolo delle Divas, quello di SmackDown e quelli femminili di coppia. Natalya ha anche gareggiato e vinto il primo match femminile della WWE in Arabia Saudita.

Sul suo disturbo alimentare: "Il mio disturbo alimentare dopo la morte di mio zio è stato qualcosa di molto tragico per la nostra famiglia. Dopo la morte di Owen, la nostra famiglia ha attraversato un periodo difficile. Stavo cercando in qualche modo nella mia vita di prendere il controllo della situazione e così, quell'estate, avevo perso circa 40 libbre in due mesi ed era davvero incredibile. Ho avuto questa cosa per circa tre anni. Il punto di svolta per me è stato il wrestling. È stato quando ho deciso che volevo iniziare a lottare che ho capito che non potevo essere così magra. Quindi è stato come se il wrestling fosse davvero quello che mi sento ha cambiato la mia vita, ha cambiato tutto e in qualche modo mi ha salvato".