DDP rende omaggio a Ric Flair



by   |  LETTURE 415

DDP rende omaggio a Ric Flair

Ric Flair viene annoverato fra le superstar più iconiche di ogni epoca, essendo riuscito nell’impresa di trascendere il wrestling. Oltre ad essere un 16 volte campione del mondo, record condiviso con John Cena, il ‘Nature Boy’ è diventato il primo wrestler nella storia della WWE ad essere inserito per due volte nella Hall of Fame, sia individualmente che come membro dei Four Horsemen.

Il 73enne di Memphis si è tolto la soddisfazione di completare la Triple Crown sia in WCW che in WWE, un’ulteriore testimonianza dell’immenso valore di questo performer. Come ormai tutti sanno, Flair ha deciso di tornare sul ring il 31 luglio a Nashville, in quello che si prospetta come uno degli eventi più elettrizzanti dell’intero anno.

In molti hanno criticato la scelta di Ric di rimettersi in gioco alla sua età, ma il WWE Hall of Famer non si è fatto condizionare e sta lavorando duramente per presentarsi in forma all’appuntamento. Nell’ultima edizione del suo podcast, la leggenda del wrestling Diamond Dallas Page ha nominato le quattro superstar che hanno avuto più influenza sulla sua carriera.

DDP ha un debole per Ric Flair

“Il primo atleta che mi viene in mente è sicuramente Jake Roberts. Poi troviamo Ric Flair, che mi ha fatto avvicinare al wrestling contribuendo alla mia crescita. Ci siamo incontrati diverse volte sul ring quando militavamo in WCW all’inizio degli anni 2000.

Ho sempre avuto un debole anche per Shawn Michaels e Eddie Guerrero, due talenti straordinari” – ha affermato Dallas Page. DDP ha poi analizzato l’evoluzione di CM Punk: “Ritengo che Punk sia migliore oggi rispetto a quando militava in WWE.

Si fida dei suoi mezzi ed è più maturo. Nella federazione di Stamford, doveva eseguire alla lettera gli ordini di Vince McMahon e si vedeva che non riusciva ad esprimere a pieno il suo talento. Era in catene, non so se mi spiego.

Ad un certo punto, ha capito che non ce la faceva più e si è allontanato dal wrestling per diversi anni. In AEW si sente molto più a suo agio”.