Bill Apter svela le due ragioni dietro al ritorno di Brock Lesnar



by   |  LETTURE 4181

Bill Apter svela le due ragioni dietro al ritorno di Brock Lesnar

Nell’ultima puntata di SmackDown, il WWE Universe è rimasto a bocca aperta dinnanzi al clamoroso ritorno di Brock Lesnar. L’ex campione Universale è salito sul ring per stringere la mano al ‘Tribal Chief’ Roman Reigns, mentre i fan non riuscivano a credere ai loro occhi.

Sfruttando l'incertezza di Reigns, la Bestia ha inflitto al rivale la sua devastante F-5, prima di scagliarsi contro gli Usos. Brock e Roman si affronteranno in un ‘Last Man Standing match’ a SummerSlam, il pay-per-view più importante dell’estate.

Ricordiamo che il 44enne di Webster è l’unico atleta nella storia ad aver vinto un titolo mondiale nelle arti marziali miste, nel wrestling professionistico e nel wrestling collegiale. L’esperto di wrestling Bill Apter ha indicato le due ragioni per cui Lesnar è tornato a SmackDown: l’infortunio occorso a Randy Orton e il suo immenso appeal al botteghino.

Brock Lesnar ha stupito tutti

“Con Randy Orton fuori dai giochi per diversi mesi, la WWE aveva la necessità di portare un’enorme attrazione per gli show estivi. In questo momento, Brock Lesnar è l’unico avversario credibile per Roman Reigns e la Bloodline.

Qualcuno storcerà il naso, ma il WWE Universe non ne ha mai abbastanza di lui. La Bestia fa vendere i biglietti, aiuta gli ascolti e permetterà alla compagnia di fare il botto a SummerSlam 2022” – ha analizzato Apter.

Bill ha poi commentato la notizia dell’addio di Paige: “I problemi fisici l’hanno condizionata molto negli ultimi anni e credo che voglia dedicarsi ad altri progetti in questa fase della sua vita. Paige è una ragazza fantastica, l’ho incontrata una dozzina di volte ed è sempre stata gentilissima.

Il fatto che lasci la WWE non mi sorprende più di tanto, era chiaro che il rapporto fosse agli sgoccioli. L’azienda di Vince McMahon la stava ancora pagando, nonostante i tremendi effetti della pandemia globale.

Nel momento in cui ci si è resi conto che non sarebbe mai tornata a lottare, le strade si sono divise. Ritengo che sia la cosa migliore per entrambe le parti”.