Gerald Brisco non si lascia impressionare da Cody Rhodes

Cody Rhodes ha sorpreso tutti quando ha deciso di lasciare la All Elite Wrestling per tornare in WWE

by Simone Brugnoli
SHARE
Gerald Brisco non si lascia impressionare da Cody Rhodes

Cody Rhodes ha sorpreso tutti quando ha deciso di lasciare la All Elite Wrestling per tornare in WWE. Dopo sei anni trascorsi in giro per il mondo, ‘The American Nightmare’ è apparso a WrestleMania 38 per la gioia dei fan.

L’ex stella della AEW ha ricevuto un’autentica standing ovation e si è tolto la soddisfazione di battere Seth Rollins in uno dei match più spettacolari dell’intero evento. Il 36enne di Marietta si è poi ripetuto a WrestleMania Backlash e a Hell in a Cell, dimostrando di essere uno dei migliori talenti in circolazione.

Benché si fosse procurato un serio infortunio ai muscoli pettorali, Cody ha sfoderato una prestazione eccezionale nell’ultimo pay-per-view. Fin da quando ha rimesso piede in WWE, Rhodes ha espresso il desiderio di diventare campione del mondo.

Ai microfoni di Sportskeeda, Gerald Brisco ha analizzato nel dettaglio le prospettive di Cody.

Tutti parlano di Cody Rhodes

“Cody Rhodes sta facendo grandi cose in questa fase della sua carriera, ma non credo che possa raggiungere il livello di suo padre Dusty” – ha esordito Brisco.

“Cody è un ragazzo molto intelligente e talentuoso, ma suo padre era uno di quei fenomeni che nascono una volta ogni tanto” – ha aggiunto. Gerald ha parlato anche di Brock Lesnar: “Ero un amico intimo e un compagno di squadra alla Oklahoma State University del suo allenatore di college.

Ho visto Brock per la prima volta quando era uno junior al college e aveva appena perso nel campionato nazionale, ma era già una bestia. Non avrebbe dovuto perdere, ma le cose andarono storte per una serie di motivi.

Ho avuto subito una proiezione mentale di ciò che sarebbe potuto diventare, ma era ancora troppo giovane, quindi avrei dovuto chiedere aiuto ad uno dei miei migliori amici. Ricordo di aver chiamato Jay Robinson e di avergli parlato del talento di Lesnar.

Lui mi ha detto che dovevo stare attento a mantenere Brock sulla retta via, dato che tendeva a distrarsi piuttosto facilmente. L’anno successivo, sono entrato in contatto con lui e il resto è storia”.

Cody Rhodes
SHARE