Angelo Dawkins non ha ancora digerito il ritiro di Triple H

Il 25 marzo 2022, Triple H ha annunciato il suo ritiro dal wrestling professionistico

by Simone Brugnoli
SHARE
Angelo Dawkins non ha ancora digerito il ritiro di Triple H

Il 25 marzo 2022, Triple H ha annunciato il suo ritiro dal wrestling professionistico a causa del suo stato di salute. Nel settembre 2021, The Game si era sottoposto ad una delicato intervento al cuore in seguito ad un evento cardiaco.

La lunga riabilitazione lo ha fatto riflettere e lo ha indotto ad abbandonare il desiderio di tornare a lottare. HHH si era gradualmente allontanato dal ring negli ultimi anni, complici l’avanzare dell’età e la volontà di dedicarsi a tempo pieno al suo ruolo dirigenziale.

Il suo contributo è stato fondamentale per la nascita e l’ascesa di NXT, fino a rendere il marchio ‘Black and Gold’ una validissima alternativa agli show di Raw e SmackDown. Hunter ha fatto la sua ultima apparizione a WrestleMania 38, dove ha ringraziato i fan e ha lasciato i suoi stivali al centro del ring.

In una lunga intervista a NBC Sports, Angelo Dawkins ha speso belle parole per il ‘Cerebral Assassin’.

Triple H ha lasciato il segno in WWE

“È stato straziante apprendere la notizia del ritiro di Triple H” – ha esordito Dawkins.

“Quando ho assistito alla scena degli stivali a WrestleMania 38, non sono riuscito a trattenere le lacrime. È stato un momento davvero struggente. The Game non è stato soltanto un grande performer, non so se mi spiego.

Lui ha cambiato questo business sia dentro che fuori dal ring. Gli auguro il meglio” – ha chiosato Angelo. HHH è stato elogiato anche da Rhea Ripley: “Adoro Triple H ed è stato bellissimo rivederlo a Mania.

Quando ha fatto il suo ingresso, ho provato un’emozione fortissima. Gli ultimi mesi non sono stati facili per lui, ne ha passate tante e sapere che non lotterà più mi rattrista molto. È merito suo se sono approdata in WWE.

Hunter è il motivo per cui ho iniziato a guardare il wrestling, è lui che mi ha indirizzato verso questo business. Senza il suo aiuto e il suo supporto, non sarei mai diventata la Rhea Ripley che conoscete oggi. Lui ha creduto in me e mi ha dato la chance di esprimere a pieno il mio talento”.

Triple H
SHARE