Damien Priest: "Ogni giorno parlo e ricevo consigli da Edge"

Damien Priest ha parlato del suo rapporto con Edge e del fatto di lavorare al suo fianco

by Andrea Scozzafava
SHARE
Damien Priest: "Ogni giorno parlo e ricevo consigli da Edge"

In "Unlocking The Cage with Jimmy Smith" di questa settimana, Damien Priest ha parlato del suo rapporto con Edge.

Damien Priest: "Sono felice di lavorare al fianco di Edge"

Sul rapporto con Edge e sulla possibilità di lavorare ogni giorno con lui: “Ci sono molte persone da cui potresti imparare tante cose. Edge, per me è uno di quelli. Penso ci siano sono molte somiglianze tra me e lui, come per esempio il suo atteggiamento. L'ho sempre ammirato. Mi è piaciuto tanto lavorare con lui sul ring. Ho imparato tanto anche dal modo in cui si comporta. Beth Phoenix mi disse che avrei dovuto parlare con Edge perché notava delle somiglianze che avrebbero potuto aiutarmi. Mi diede il numero di Edge e ricordo ci vollero alcuni giorni prima di iniziare a parlarci. È come ricevere un numero di telefono da una ragazza e non sai se scrivere subito o aspettare un po' di tempo".

Sui consigli di Edge: "Da allora ha iniziato a darmi consigli. Ora posso davvero lavorare al suo fianco senza sosta. Probabilmente finirò per chiamarlo e parlargli di nuovo. Parlo tanto con lui davvero ogni giorno. Ama darmk consigli. Voglio dire stiamo parlando di come parlare e presentarsi all'interno del ring. Intendo dire che parliamo davvero tutto e spesso. È uno di quelli che se hai bisogno di sentire per qualcosa che vuoi sistemare, ti aiuterà. E' uno che ti loda per le cose positive e i tuoi  miglioramenti. Non so perché sono così fortunato, ma mi godo ogni secondo di lavoro con Edge".

Sulla stable di Edge, Damien Priest ha rivelato: “Un giorno Edge mi ha chiamato di punto in bianco. Ho visto il suo numero sul mio telefono e sono stato felice come un ragazzino. Mi disse: 'Ehi amico, ho avuto una bella idea. Voglio formare una stable e tu sei stata la mia prima scelta. Colui che ho pensato per primo'. Ero senza parole. Ho iniziato a balbettare. Non sapevo cosa dire. Sono rimasto tipo 'Non so quale sia la risposta migliore che tu voglia avere, ma questa non può essere una domanda. Non c'era bisogno di chiedere. Dimmi solo cosa bisogna fare".

Edge
SHARE