Steve Austin fu letteralmente seppellito quando abbandonò la WWE nel 2002



by   |  LETTURE 4609

Steve Austin fu letteralmente seppellito quando abbandonò la WWE nel 2002

Negli ultimi giorni non si fa altro che parlare di Sasha Banks e di Naomi, le campionesse tag team del main roster WWE che hanno abbandonato l'ultimo episodio di Monday Night Raw per una gigantesca ed insormontabile divergenza di vedute con il creative team della WWE e di conseguenza con Vince McMahon.

La storia della WWE, è però costellata dagli abbandoni più disparati di questo genere, con CM Punk che lasciò la puntata di Raw successiva alla sua ultima Royal Rumble, per poi non fare più ritorno sui ring dei McMahon, o l'abbandono di Steve Austin nel 2002, da un backstage della compagnia, quando gli fu notificato come dovesse perdere contro un giovanissimo Brock Lesnar, con Steve Austin che andò su tutte le furie, litigando con tutti e sparendo dalla circolazione per mesi.
Proprio di quest'ultima vicenda, ha voluto parlare il noto Dave Meltzer nella sua ultima newsletter ai microfoni del Wrestling Observer, con il giornalista più famoso del mondo del pro-wrestling che ha spiegato come siano stati differenti i comportamenti da parte della compagnia, in quel caso ed in questo con Sasha e Naomi.

Stone Cold e l'incredibile heat dopo la sua uscita di scena dalla WWE

Nel suo ultimo intervento ai microfoni dell'Observer, Meltzer ha infatti così raccontato cosa successe a Steve Austin nell'ormai lontano 2002, affermando:

"La WWE sospese Steve Austin senza paga nel 2002 per essersi rifiutato di andare in tv per un match che lui avrebbe dovuto perdere con Brock Lesnar, ma quello arrivò in un momento dove loro erano l'unico grande gioco vero in città.

Lo seppellirono anche molto pesantemente, molto di più di quanto successo qui (dopo l'uscita di scena di Sahsa e Naomi), il che era anche un'idea terribile e accecata dalla rabbia" Dopo qualche mese, alla fine i rapporti tra Vince e Steve tornarono buoni, con l'Hall of Famer che tornò a lavorare saltuariamente con la federazione, tipo nel match di Wrestlemania XX, dove fece da arbitro speciale alla contesa tra Brock Lesnar e Bill Goldberg, dopo la quale entrambi gli atleti lasciarono la WWE, per tornare solo dopo diversi anni di lontananza.