William Regal: "Il mio rilascio dalla WWE a livello di business era la cosa migliore"



by   |  LETTURE 636

William Regal: "Il mio rilascio dalla WWE a livello di business era la cosa migliore"

Negli ultimi mesi, la WWE è andata a rimettere mano al roster di NXT, costruendo una vera e propria nuova versione del terzo roster della compagnia, andando però a licenziare numerosi volti molto famosi del brand Black & Gold.

Tra i tanti che hanno perso il proprio lavoro nel backstage di NXT, abbiamo trovato infatti Wiliam Regal, Samoa Joe, Road Dogg, Dave Kapoor e diversi altri road agent che avevano fatto molto per NXT, fino a portarlo ai piani alti delle varie emittenti che lo hanno trasmesso fino ad oggi.

Il volto che sicuramente ha rappresentato di più la dirigenza di NXT negli ultimi anni, è stato sicuramente quello di William Regal, con l'ormai ritirato wrestler inglese, che dopo aver lasciato la federazione di Stamford suo malgrado, è stato assunto dalla rivale AEW, nella quale al momento ricopre il ruolo di manager di Bryan Danielson, Jon Moxley e Wheeler Yuta.

Dopo aver fatto il General Manager ad NXT per diversi anni, Regal ha ricominciato da zero, non potendo più lottare per questioni fisiche e di età.

William Regal difende la scelta della WWE di licenziarlo

Ai microfoni della sua ultima intervista rilasciata ai microfoni della moglie di Jon Moxley, ovvero The Session with Renee Paquette, l'ex GM di NXT ha voluto difendere la WWE ed il licenziamento arrivato dopo oltre 20 anni di onorato servizio, affermando:

"Me lo aspettavo, ad essere onesti.

E' stato perfetto a livello di business, comunque. Non puoi avere qualcun altro che viene da fuori con tutti quanti i ragazzi che vengono da me a chiedermi di tutto, in merito a quello che devono fare... è stata la tempesta perfetta, e poi Triple H era malato"

Secondo quanto affermato da Regal, quindi, il suo licenziamento era la cosa perfetta per la nuova gestione che voleva avere la WWE del suo NXT, con la sua presenza che era ormai troppo ingombrante per i dirigenti che erano entrati a rilevare il comando nel terzo brand WWE, con tutti i ragazzi che continuavano a vedere in Regal l'uomo fidato ed il proprio mentore a cui chiedere spiegazioni e consigli.