Kofi Kingston si emoziona ricordando la sua impresa a WrestleMania 35



by   |  LETTURE 886

Kofi Kingston si emoziona ricordando la sua impresa a WrestleMania 35

Il successo di Kofi Kingston contro Daniel Bryan per il WWE Championship a WrestleMania 35 è stato uno dei momenti più commoventi nella storia recente del wrestling. Dopo più di dieci anni ‘trascorsi’ nella mid-card, il wrestler di origini ghanesi è diventato campione del mondo lasciando tutti quanti a bocca aperta.

Durante la sua carriera, Kofi ha detenuto quattro volte il titolo Intercontinentale, tre volte lo United States Championship, sei volte il Raw Tag Team Championship, sette volte lo SmackDown Tag Team Championship e una volta il World Tag Team Championship.

Il suo secondo regno da Raw Tag Team Champion, durato ben 483 giorni, è il più lungo nella storia del titolo. Ospite nell’ultima edizione di ‘Out of Character’, Kingston ha ricordato il suo storico trionfo allo ‘Showcase of the Immortals’ nel 2019.

Il dolce ricordo di Kofi Kingston

“Il WWE Universe era al settimo cielo quando ho battuto Daniel Bryan a WrestleMania 35 e sono diventato campione del mondo per la prima volta nella mia carriera. Erano tutti impazziti nell’arena, c’era un frastuono tremendo.

Sono felice che la compagnia abbia deciso di andare nella direzione che volevano i fan. Sarò per sempre grato a Vince McMahon” – ha raccontato Kofi. Molti appassionati ricorderanno che il regno di Kingston si è concluso in occasione del 20° anniversario di SmackDown, quando Brock Lesnar gli ha impartito una severissima lezione.

Il due volte WWE Hall of Famer Booker T ha espresso la sua opinione al riguardo: “Mi rendo conto che tanta gente non abbia apprezzato l’andamento del match tra Kofi Kingston e Brock Lesnar. Si continua a parlare di quell’incontro anche a distanza di tre anni.

Forse non tutti si rendono conto di come stanno le cose. Brock è un peso massimo, mentre Kingston è un peso leggero. Non era uno scontro alla pari. Quello che ha proposto la WWE era l’unico esito credibile. La federazione di Vince McMahon ha sempre puntato molto sul merchandising e sull’intrattenimento. I dirigenti non avevano altra scelta, Kofi doveva perdere in maniera netta”.