Eric Bischoff non accetterebbe di tornare a lavorare a tempo pieno



by SIMONE BRUGNOLI

Eric Bischoff non accetterebbe di tornare a lavorare a tempo pieno

Eric Bischoff è una delle menti creative che contribuirono al successo della World Championship Wrestling negli anni novanta, ma ha lavorato anche per la WWE e la Total Nonstop Wrestling negli anni duemila. Il suo mandato da general manager di Raw, durato ben 1239 giorni, è il più lungo nella storia della federazione di Stamford.

Essendo stato uno dei più importanti general manager nella storia di Raw, il 22 gennaio 2018 è stato invitato al 25° anniversario dello show rosso. A cavallo tra il 27 giugno e il 17 ottobre 2019, ha ricoperto il ruolo di direttore esecutivo di SmackDown.

Nel corso di una recente intervista a Michael Dagger per ‘Lucha Libre Online’, Bischoff ha affermato che non accetterebbe di ricoprire un ruolo a tempo pieno in WWE o in AEW.

Eric Bischoff ha le idee chiare

“Non accetterei di ricoprire un ruolo a tempo pieno in WWE o in AEW, indipendentemente dal compenso che mi venisse offerto” – ha sentenziato Bischoff.

“Per quanto io adori esibirmi e stare davanti alle telecamere, sono sempre stato un tipo realista. Sono contento di fare qualche apparizione alla mia età, ma non ho intenzione di lavorare nuovamente a tempo pieno.

Quella nave è salpata per me, è nel mio specchietto retrovisore. Sono orgoglioso quando ripenso a ciò che sono stato in grado di fare durante la mia carriera, ma quel tempo è passato e non ho rimpianti” – ha continuato.

Eric ha affrontato anche la questione del GOAT: “Non è facile dare una risposta a questa domanda. Il primo nome che mi viene in mente è senza dubbio quello di The Undertaker. Se analizziamo il suo impatto su questo business, la sua longevità e la sua capacità di trascendere il wrestling, è difficile non considerarlo il GOAT.

Forse The Rock ha guadagnato più soldi e ha raggiunto un livello di popolarità ancora maggiore, ma se ci limitiamo all’impatto sul wrestling è Taker il più grande. Il mitico Hulk Hogan merita di essere citato nel discorso sul migliore di sempre. Tutto dipende dalle preferenze personali”.

Eric Bischoff