Tyson Kidd: “Ronda Rousey ha elevato la divisione femminile WWE”



by   |  LETTURE 788

Tyson Kidd: “Ronda Rousey ha elevato la divisione femminile WWE”

In una recente intervista con Danial Ali del DropKick Podcast, l'ex WWE Superstar Tyson Kidd, ha parlato della run impressionante che Ronda Rousey ha avuto in WWE da quando è approdata nella compagnia. 

Egli ha sottolineato che la Rowdy ha acceso una scintilla che ha contribuito ad elevare la divisione delle donne in WWE. Ha inoltre parlato ovviamente del main event storico di Wrestlemania 35 che l’ha coinvolta insieme a Becky Lynch e Charlotte Flair.

“È bello vedere tipo quasi la seconda parte della carriera di Ronda in WWE, come abbiamo visto quella prima run per Wrestlemania 34 a 35, ed è stato fantastico! Sai, ha avuto un bel po' di problemi e ora che non c’è più stata da tre anni, il gioco è cambiato parecchio. 

Sai, ha decisamente acceso una scintilla e ha decisamente contribuito ad elevare la divisione femminile nel suo complesso, quella prima run in grande stile. Non lo so, come se non conoscessi tutti i meccanismi interiori tanto quanto la gente pensa che io conosca. Non so se le donne sarebbero state coinvolte per la prima volta senza Ronda." 

Non è tutto oro quel che luccica

Anche se per molti, come per Tyson Kidd, Ronda Rousey ha contribuito a cambiare il panorama del wrestling femminile in WWE, la stessa Baddest Woman on the Planet, non ha esattamente vissuto dei momenti tranquilli nella compagnia.

Infatti lei stessa ha dichiarato che non si è sentita particolarmente apprezzata dai fans durante la sua prima run: "Quando ho lasciato la WWE, ero stata fischiata fuori dello stadio, tipo ogni giorno per mesi. Penso che una delle cose più scomode e ingannevoli che abbia mai sentito sia stata quando dovevo essere una babyface e la folla era ostile nei miei confronti. Non potevo dire loro esattamente quello che provavo. Non sono tornata. Ero bloccata. Rimango fedele a me stessa finché queste persone non smettono o rispetto Vince che ha fatto così tanto per me, e non vado contro quello che vuole che faccia?”