D-Von Dudley rende omaggio a Triple H



by   |  LETTURE 791

D-Von Dudley rende omaggio a Triple H

Qualche settimana fa, Triple H ha annunciato il suo ritiro definitivo dal wrestling. Gli ultimi mesi non sono stati per niente facili per The Game, alle prese con la riabilitazione dopo l’intervento al cuore a cui si era sottoposto nel settembre 2021.

Il 14 volte campione del mondo ha riflettuto a lungo e ha deciso che non era il caso di correre rischi, abbandonando il desiderio di tornare a lottare. HHH ha fatto una breve apparizione durante la seconda notte di WrestleMania 38, in cui ha salutato il WWE Universe e ha lasciato i suoi stivali al centro del ring.

A meno di clamorosi e improbabili colpi di scena, il suo ultimo match resterà quello contro Randy Orton a Raw nel 2021. Hunter è stato fondamentale anche dietro le quinte, avendo contribuito in prima persona alla nascita e all’ascesa di NXT.

Il ‘Cerebral Assassin’ ha reso il marchio ‘Black and Gold’ una validissima alternativa agli show di Raw e SmackDown. Nell’ultima edizione del podcast ‘Table Talk’, D-Von Dudley ha voluto ringraziare Triple H per un episodio risalente al lontano 2002.

D-Von Dudley ringrazia Triple H

“Ho appreso la notizia del ritiro di Triple H e mi sono commosso quando ha depositato i suoi stivali al centro del ring a WrestleMania 38” – ha esordito Dudley. “Ci tengo a ringraziare Hunter non soltanto per avermi dato l’opportunità di diventare producer, ma anche per aver accettato di perdere un match contro di me a SmackDown nel maggio 2002.

HHH mi ha fornito tanti consigli preziosi che mi sono stati d'aiuto negli anni successivi” – ha aggiunto. In una recente intervista a ‘Metro’, Kevin Owens ha raccontato di aver avuto un incontro con The Game qualche giorno fa: “Non lo vedevamo da parecchio tempo, complice la lunga riabilitazione che ha dovuto affrontare dopo quella delicata operazione al cuore.

Ha organizzato un incontro con i talenti della WWE, durante il quale ci ha implorato di goderci il più possibile il nostro tempo in azienda. Senza il suo aiuto, non avrei avuto così tanto successo”.