Bully Ray ha un dubbio sul personaggio di Cody Rhodes



by   |  LETTURE 876

Bully Ray ha un dubbio sul personaggio di Cody Rhodes

Il ritorno di Cody Rhodes in WWE è stato uno degli eventi più sorprendenti di questo inizio di 2022. ‘The American Nightmare’ è apparso a WrestleMania 38 ed è stato accolto favorevolmente dal WWE Universe, nonostante i sei anni di assenza e la sua militanza in All Elite Wrestling.

Rhodes ha sconfitto Seth Rollins nell’evento più importante del calendario WWE, dimostrando di essere uno dei performer più abili in circolazione. Cody si è rapidamente affermato come uno dei migliori babyface di Raw e ha espresso il desiderio di diventare campione del mondo in futuro.

Durante la sua carriera, il 36enne di Marietta si è aggiudicato due volte il titolo Intercontinentale, tre volte il WWE Tag Team Championship e tre volte il World Tag Team Championship. Nel 2019 è stato uno dei fondatori della AEW, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicepresidente esecutivo.

Ospite nell’ultima edizione di ‘Busted Open Radio’, Bully Ray ha espresso qualche dubbio sul personaggio di Rhodes.

Bully Ray ha qualche dubbio su Cody Rhodes

“Cody Rhodes viene riconosciuto come uno dei migliori babyface della WWE in questo momento, ma c’è qualcosa che non mi convince” – ha esordito Bully Ray.

“Il modo in cui parla, il tono di voce, il suo atteggiamento e le sue parole lo fanno sembrare un heel. Se guardate anche i suoi indumenti e il modo in cui si comporta, non può non sorgervi il dubbio che si tratti di un heel” – ha aggiunto.

L’ex manager della WWE Jim Cornette ha parlato dell’accoglienza riservata a Cody: “Il clamore è stato enorme, perché nessuno si aspettava che lasciasse la AEW per tornare in WWE. In queste sue prime apparizioni, è stato presentato ai fan come un’icona assoluta.

Non aveva mai goduto di tale status durante la sua prima avventura in WWE. La risposta del pubblico è stata eccellente finora. Tanta gente lo aveva criticato quando decise di lasciare la WWE sei anni fa, ma bisogna ammettere che ha fatto la scelta giusta.

Si è fatto le ossa in giro per il mondo e ha dimostrato a Vince McMahon che si era sbagliato sul suo conto”.