Roman Reigns parla del suo rapporto con Triple H



by   |  LETTURE 2156

Roman Reigns parla del suo rapporto con Triple H

Triple H ha recentemente annunciato il suo ritiro dal wrestling, lasciando a bocca aperta sia i fan che gli addetti ai lavori. The Game si era gradualmente allontanato dal ring negli ultimi anni, complici l’avanzare dell’età e il desiderio di dedicarsi con maggiore impegno al suo ruolo dirigenziale.

Il 14 volte campione del mondo ha contribuito in prima persona alla nascita e all’ascesa di NXT, fino a rendere il marchio ‘Black and Gold’ una validissima alternativa agli show di Raw e SmackDown. Nel settembre 2021, HHH si è sottoposto ad una delicata operazione al cuore in seguito ad un evento cardiaco.

Il lungo processo di riabilitazione lo ha portato ad escludere un ritorno sul ring in futuro. A meno di clamorosi e improbabili colpi di scena, il suo ultimo match resterà quello contro Randy Orton a Raw nel 2021. Ospite nell’ultima edizione del ‘Tonight Show’, Roman Reigns ha parlato del suo rapporto con Triple H.

Roman Reigns e il suo rapporto con The Game

“Triple H è stato molto severo con me nei primi anni della mia carriera. Il suo compito era quello di guidarmi e l’ha fatto molto bene. Ci è voluto un po’ di tempo affinché costruissimo una relazione solida, ma non abbiamo mai avuto problemi.

Ho sempre avuto un enorme rispetto per The Game” – ha raccontato il ‘Tribal Chief’. Il campione Universale si appresta a vivere la notte più importante di tutta la sua carriera. Roman sfiderà Brock Lesnar nel match clou della 38ma edizione di WrestleMania, che si svolgerà in due serate all’AT&T Stadium di Arlington.

Ritornando a Triple H, l’ex manager della WWE Dutch Mantell ha espresso una considerazione interessante: “Siamo dispiaciuti che una leggenda del suo calibro si ritiri dal wrestling, ma tocca a tutti prima o poi.

Sono felice che i medici abbiano individuato il problema e sia andato tutto per il meglio. Se avesse disputato un altro match, sarebbe potuto morire sul ring. È stato fortunato sotto questo aspetto. Quando è arrivato in ospedale, le sue condizioni erano abbastanza delicate”.