Seth Rollins: “I riferimenti in TV della AEW alla WWE sono di cattivo gusto”



by   |  LETTURE 1982

Seth Rollins: “I riferimenti in TV della AEW alla WWE sono di cattivo gusto”

L’All Elite Wrestling viene spesso criticata per le troppe frecciatine che fa alla WWE sia in televisione che fuori onda, quando magari qualche fan presente all’arena registra un video con il cellulare e lo pubblica su internet.

Proprio di questo ha voluto parlare uno degli attuali wrestler di punta del roster della WWE, Seth Rollins, che ha espresso la sua opinione criticando un po’ questo atteggiamento dei suoi colleghi dall’altra parte.

Parlando con Jimmy Traina dello Sports Illustrated Media Podcast infatti, The Drip God è partito con il discorso dicendo che nessuno dietro le quinte gli ha detto nulla sul fatto che ha nominato Jon Moxley. Infatti Rollins ha fatto il nome del suo ex compagno nello Shield durante l’ultima rivalità contro l’altro ex Shield, Roman Reigns.

Non è il caso

Rollins ha detto: "Neanche una cosa. Neanche una. Nessuno mi ha detto niente al riguardo. Tutti sanno che fa parte della nostra storia. Non puoi fare Seth e Roman senza Dean o Mox, come vuoi chiamarlo. Non puoi farlo. Ignorare quella parte della nostra storia e metterlo da parte e concentrarsi su Roman e Seth, l'attenzione era su Roman e Seth, che era la storia, ma lui è una parte di essa quindi ignorarlo e far finta di non esista è sciocco. Mi sono riferito a lui con il nome che preferisce usare ed è lì che siamo. Non ho sentito nulla in risposta nel backstage.”

Poi ha proseguito parlando proprio del fatto di nominare i wrestler delle altre compagnie: "Per me, è una di quelle cose dove, se è molto utile, va bene. I riferimenti di cui hai parlato [Rollins cita Moxley, CM Punk cita la WWE] sono due tipi di cose diverse. Non ho usato il riferimento a Mox per parlare con qualcuno. Non stavo cercando di sminuire i risultati di nessuno. Non era così. È parte della nostra storia, Roman non sarebbe lo stesso se non fosse per me e Mox. 

L'altra faccia di quella moneta è il modo in cui può essere usata da quei ragazzi. Possono fare quello che vogliono. Personalmente lo trovo molto pacchiano e di basso livello. Penso che sembri disperato e puzzi di disperazione. Non credo ci sia niente nel nostro programma televisivo che ci spinge ad andare lì e parlare male di quei ragazzi. Stanno facendo il loro lavoro, lo stanno facendo molto bene, siamo molto felici per loro. Io lo sono, almeno personalmente.

Sono al nostro livello? No. Hanno molta strada da fare per raggiungerci. Va bene e lo sanno. Fanno le cose diversamente. Dal mio punto di vista, è un passo verso il basso per noi usarlo come un insulto. Questo è il mio punto di vista. La gente non può condividere tale opinione."