Mike Chioda: "Ecco quanto ci voleva per realizzare i match cinematografici"



by SIMONE BRUGNOLI

Mike Chioda: "Ecco quanto ci voleva per realizzare i match cinematografici"

Gli ultimi due anni sono stati davvero complessi per la WWE, obbligata a fare i conti con le gravissime conseguenze della pandemia. Il Coronavirus si è abbattuto anche sul settore dell’intrattenimento sportivo, causando molti danni e portando la federazione ad adottare una serie di misure drastiche.

La compagnia di Stamford ha rilasciato più di 80 superstar nel solo 2021, oltre a numerosi addetti ai lavori dietro le quinte. Hanno dovuto fare i bagagli persino nomi illustri come Braun Strowman, Bray Wyatt, Mickie James, John Morrison, Andrade, Karrion Kross, Keith Lee e Nia Jax.

Le arene vuote e la successiva crisi hanno messo a dura prova la WWE, indebolita anche dalla veemente ascesa della All Elite Wrestling. L’azienda di Tony Khan ha ingaggiato due mostri sacri del calibro di CM Punk e Bryan Danielson.

Ospite della trasmissione ‘Monday Mailbag’, l’ex arbitro della WWE Mike Chioda ha parlato delle difficoltà con cui l’intero staff ha dovuto fare i conti durante la pandemia.

Mike Chioda è stato rilasciato dopo 35 anni

“Non abbiamo mai smesso di lavorare in WWE, nemmeno quando la situazione pandemica era gravissima” – ha raccontato Chioda.

“La dirigenza WWE ha scelto di organizzare parecchi match cinematografici, che hanno appesantito ancora di più il nostro lavoro. Erano necessarie almeno tre ore per realizzare quel tipo di incontri. Sono molto più impegnativi rispetto ai match normali” – ha aggiunto.

Mike è rimasto sorpreso quando ha appreso la notizia del suo rilascio: “Vince, Linda, Shane e Stephanie mi hanno dimostrato lealtà per 35 anni. Non so cosa sia cambiato in loro, ma devo ammettere che è stato molto deludente.

Potevano trovare un modo migliore per chiudere un rapporto di lavoro durato oltre tre decenni. Mi hanno spezzato il cuore. Non so se sia stata una decisione di Vince McMahon, ma è successo”. La WWE si prepara ad ospitare la 38ma edizione di WrestleMania, che si svolgerà in due serate all’AT&T Stadium di Arlington.

Il match più atteso della card è quello fra Roman Reigns e Brock Lesnar (che detengono il titolo Universale e il WWE Championship).