Brian Cage sul suo licenziamento in WWE: “È stato uno shock”

Molti forse non sanno che Brian Cage faceva parte del territorio di sviluppo WWE, anche se è rimasto per poco tempo

by Rachele Gagliardi
SHARE
Brian Cage sul suo licenziamento in WWE: “È stato uno shock”

Prima di approdare in altre federazioni e farsi conoscere al grande pubblico, Brian Cage è stato nel territorio di sviluppo della WWE, firmando con la compagnia nel 2008 per essere assegnato alla Florida Championship Wrestling, quando ancora non esisteva NXT.

Anche se si è divertito nella FCW, la WWE lo ha mandato via poco dopo, nel 2009, e il wrestler è rimasto sorpreso della cosa, raccontandolo ai microfoni del Going Broadway Podcast: “Essere rilasciato è stato uno shock per me.

Mi ricordo, ma letteralmente tutti lo erano, tranne dietro le quinte, lo erano tutti, sono entrati e hanno detto che uno di noi stava andando on the road. E, letteralmente, tutti pensavano che fossi io solo per quanto stavo facendo bene, per come stavo andando alla grande. E sapevo anche che avrei avuto un aumento. Sono in palestra e ne parlano tutti, tutti gli allenatori della FCW, di come uno di noi andrà in tour la prossima settimana.”

Ma non è andata così

Poi Brian Cage ha proseguito il racconto dicendo: "Quindi sono in palestra e mi perdo una chiamata. Sono tipo: ‘Oh cavolo. È il mio aumento? Sto andando on the road? Forse è entrambi.’ Quindi sono in estasi e li richiamo subito. Gli dico: ‘Oh, ehi.’ Lui fa: ‘Oh, ehi, Brian. Come stai?’ Io faccio: ‘Oh, sto bene.’ Tipo che sto cercando di calmare la mia eccitazione. 

E lui: ‘Oh, è fantastico, è fantastico. Quindi… ho-ho delle cattive notizie. Una parte difficile del lavoro'. E io sono tipo: ‘Di cosa stai parlando?’ Tipo che ancora non ne ho idea perché penso ancora che sia, sai, una cosa differente da una situazione normale. Quindi lui mi dice: ‘Sì, quindi dovremo fare i conti con il tuo rilascio.’ 

E questo è il telefono e io sono tipo [tira via il telefono dal suo orecchio per guardarlo], e lo guardo per assicurarmi che sia il numero giusto con cui sto parlando. E di nuovo, non sto cercando di essere intelligente o qualsiasi altra cosa. Questo, sono solo legittimamente scioccato."

SHARE