Sheamus: "Ho finalmente capito perché The Undertaker si è ritirato"

The Undertaker è stato il simbolo della WWE per circa 30 anni

by Simone Brugnoli
SHARE
Sheamus: "Ho finalmente capito perché The Undertaker si è ritirato"

The Undertaker è stato il simbolo della WWE per circa 30 anni. Oltre ad aver collezionato tutti i riconoscimenti possibili e immaginabili, il Becchino ha contribuito ad accrescere la popolarità del wrestling in giro per il mondo.

A meno di clamorosi e improbabili colpi di scena, il ‘Deadman’ ha disputato il suo ultimo match contro AJ Styles a WrestleMania 36. All’interno della docu-serie ‘The Last Ride’, il ‘Phenom’ ha ammesso di non riuscire più a sostenere gli sforzi richiesti dal wrestling professionistico e di non voler deturpare la sua immagine.

L’ex campione WWE si è ritirato ufficialmente alle Survivor Series 2020, laddove era iniziata la sua leggendaria carriera. Taker verrà inserito nella Hall of Fame quest’anno e sarà introdotto dal boss della compagnia Vince McMahon.

In una lunga intervista al ‘Dallas Morning News’, Sheamus ha fornito una chiave di lettura interessante sul ritiro di Undertaker.

Sheamus sul ritiro di The Undertaker

“The Undertaker ha passato circa tre decenni in questo business.

L’ho visto dare tutto fino all’ultimo match, anche quando non era al 100% dal punto di vista fisico. Vi posso assicurare che non si è mai risparmiato, ha sempre lottato come se avesse 16 anni. Ogni volta che suonava la campanella, cercava di sfoderare la miglior performance possibile.

È anche per questo motivo che ha scelto di ritirarsi. C’è sicuramente una parte di lui che lo sprona ad andare avanti, ma sa benissimo di non potersi più esibire ai livelli di un tempo” – ha analizzato Sheamus.

Ai microfoni di Sportskeeda, l’ex manager della WWE Dutch Mantell ha parlato della celebre Streak del Becchino: “La compagnia ha lavorato tantissimo per costruire quell’aura che ha accompagnato Taker durante tutta la sua carriera.

Vince McMahon ha investito moltissimo sul Deadman. Una volta che era arrivato a 21 vittorie consecutive, non aveva più senso interrompere la striscia. Io avrei mantenuto quel record intatto, così come la maggior parte dei fan. Magari quel trionfo ha aiutato la carriera di Brock Lesnar, ma ritengo che sia stato un errore."

The Undertaker
SHARE