DDP: "Mi stupirebbe se Randy Orton non rientrasse nella Top 5 all-time"



by   |  LETTURE 1482

DDP: "Mi stupirebbe se Randy Orton non rientrasse nella Top 5 all-time"

Randy Orton è una figura incredibilmente popolare all’interno del roster WWE, avendo trascorso quasi due decenni nella federazione di Stamford e avendo ottenuto qualsiasi riconoscimento possibile. Durante la sua carriera, il ‘Legend Killer’ si è aggiudicato dieci volte il WWE Championship, quattro volte il titolo dei pesi massimi e una volta ciascuno l’Intercontinental Championship, lo United States Championship, il World Tag Team Championship, il Raw Tag Team Championship e lo SmackDown Tag Team Championship, diventando il decimo wrestler nella storia ad aver completato il Grand Slam.

Orton detiene inoltre il record per il maggior numero di partecipazioni agli eventi in pay-per-view della WWE (a quota 177). Negli ultimi mesi, la ‘Vipera’ ha dato vita ad un bizzarro sodalizio con Riddle, che è stato accolto favorevolmente dai fan e dagli addetti ai lavori.

Durante una lunga intervista a ‘Fightful’, Diamond Dallas Page ha elogiato la straordinaria longevità di Randy.

DDP è un fan di Randy Orton

“Il mio pensiero è che Ric Flair sia il più grande wrestler di ogni epoca, essendo rimasto al top per un periodo lunghissimo” – ha esordito DDP.

“Sto osservando con grande curiosità l’evoluzione di Randy Orton, la cui carriera non è ancora terminata. Mi stupirebbe se non rientrasse nella Top 5 all-time una volta che si sarà ritirato.

È ancora al vertice a 41 anni, dopo essere stato il più giovane campione del mondo nella storia della WWE. Non sono in tanti a poter vantare una simile longevità. Mi vengono in mente Dusty Rhodes, Macho Man, Hulk Hogan, Ric Flair, Roddy Piper e Shawn Michaels” – ha aggiunto.

DDP ha speso belle parole anche per Edge: “Quasi nessuno si aspettava che Edge sarebbe tornato in WWE, visti i suoi molteplici problemi fisici. Erano tutti disperati quando aveva annunciato il suo ritiro un decennio fa, dato che era ancora molto giovane.

Non soltanto è riuscito a tornare sul ring, ma ha dimostrato una resilienza fuori dal comune. Sono rimasto sbalordito dal livello che ha espresso in questi due anni”. La WWE si prepara ad ospitare la 38ma edizione di WrestleMania.