Ric Flair: "Cesaro non è mai stato credibile come heel"



by   |  LETTURE 1335

Ric Flair: "Cesaro non è mai stato credibile come heel"

Durante la sua carriera in WWE, Cesaro si è aggiudicato cinque volte il Raw Tag Team Championship (quattro volte con Sheamus e una volta con Tyson Kidd) e due volte lo SmackDown Tag Team Championship (una volta con Sheamus e una con Shinsuke Nakamura).

Ha inoltre vinto una volta il titolo degli Stati Uniti e la prima edizione dell’André the Giant Memorial Battle Royal, tenutasi a WrestleMania 30. Il 1° gennaio scorso, a ‘Day 1’, Cesaro e Ricochet sono stati sconfitti da Ridge Holland e Sheamus.

Il 24 febbraio, è stato annunciato che il contratto di Sheamus con la WWE era scaduto. La superstar svizzera ha lasciato dunque la federazione di Stamford dopo ben 11 anni. Nell’ultima edizione del suo podcast ‘Wooooo Nation Uncensored’, il leggendario Ric Flair ha commentato l’uscita di scena di Cesaro.

Secondo il 16 volte campione del mondo, il 41enne di Lucerna non è mai riuscito ad affermarsi come un heel credibile.

Ric Flair sull'addio di Cesaro

“La WWE ci ha presentato Cesaro come un heel per tanto tempo, ma non sono stati raggiunti i risultati auspicati.

Lo svizzero è un atleta molto dotato, ma non è credibile nella parte del cattivo. Non si è mai sentito a suo agio in quel ruolo e i fan lo percepivano. Se non sei convinto tu stesso, è impossibile fare breccia nel cuore della gente” – ha spiegato Ric Flair.

Il ‘Nature Boy’ ha speso belle parole per The Miz: “Ha superato le aspettative che c’erano su di lui nei primi anni della sua carriera. Miz è molto diverso dal personaggio che interpreta sul ring, non è per niente arrogante nella vita di tutti i giorni.

Ha avuto la capacità di affinare il proprio stile e di trasmettere una sensazione di realismo ai fan. Sono davvero orgoglioso della sua evoluzione, anche perché la sua carriera non era iniziata sotto una buona stella.

Non era un atleta con un super background e non veniva segnalato come un predestinato. Era soltanto un ragazzo che voleva fare il wrestler, ma quasi nessuno pensava che sarebbe riuscito a sfondare”.