Come introdurre le Supertar LGBTQ in WWE: ne parla Sonya Deville

Secondo Sonya tutto dovrebbe accadere in modo fluido e normale

by Rachele Gagliardi
SHARE
Come introdurre le Supertar LGBTQ in WWE: ne parla Sonya Deville

Recentemente, durante un’intervista con WKBN, Sonya Deville ha parlato di come la WWE potrebbe introdurre più Superstar che fanno parte della comunità LGBTQ nella compagnia.

“Voglio dire, non è qualcosa a cui penso mai in quel modo, giusto? Sì, sono quello che sono, e sono una superstar della WWE. Ma ovviamente, mi rendo conto dell'effetto e dell'influenza che ha su altri membri della comunità LGBTQ, e mi piace farne parte. Quel cambiamento in quel tipo di potere che posso dare loro, tipo: ‘Hey, se posso farlo, puoi farlo tu. E se posso essere me stessa senza rimorsi, potete esserlo anche voi. E non dovreste mai vergognarvi o avere paura di chi siete o di chi amate. Dovresti semplicemente esserlo e basta.’”

Come si potrebbe lavorare su questa cosa in WWE?

Deville, prima wrestler donna apertamente gay della WWE, ha anche delineato un possibile segmento backstage per introdurre gli spettatori ad una superstar LGBTQ: "Proprio come se ci fosse una Superstar uomo al telefono con la moglie in un segmento backstage o in un’interazione con un'altra donna, basta avere due donne o due uomini che interagiscono. Sai, o forse sono al telefono con la mia ragazza mentre stai filmando dietro le quinte, sai, qualcosa del genere, che permette solo l'inclusività di essere lì e non in modo inorganico forzato, proprio come è nella vita.”

Sonya ha fatto la storia in Arabia Saudita

Per la prima volta, tre match femminili della WWE si sono svolti in Arabia Saudita in occasione di Elimination Chamber, e Sonya Deville ha partecipano in uno di questi in coppia con Charlotte Flair, arrendendosi alla morsa di Ronda Rousey che invece faceva coppia con Naomi.

"Eravamo lì un paio di anni fa con un match femminile. Poi siamo stati lì lo scorso fine settimana con tre, uno dei quali è un match in stile Elimination Chamber, che è un match più intenso e hardcore. Quindi è una cosa incredibile. È incredibile essere in grado di andare in un paese che non vede il wrestling ogni settimana localmente come gli Stati Uniti, per ascoltare e sentire una fan base diversa, ed è davvero cool. Sembrava come se fossero davvero grati di averci lì, e noi siamo stati super grati di essere lì."

SHARE