Bruce Prichard: "Vince McMahon non dà segni di cedimento di nessun tipo in WWE"



by   |  LETTURE 2235

Bruce Prichard: "Vince McMahon non dà segni di cedimento di nessun tipo in WWE"

Uno dei personaggi legati al mondo del pro-wrestling più importanti di tutti, se non il più importante di tutti ancora in vita, è decisamente Vince McMahon, proprietario e CEO della WWE e creatore della federazione di pro-wrestling numero uno al mondo per quella che è adesso.

A Vince McMahon si devono infatti creazioni eccezionali come Wrestlemania o come l'Attitude Era, due delle cose più importanti mai accadute nella storia del pro-wrestling, con il Chairman della compagnia che nonostante si avvicini molto velocemente agli 80 anni, ancora non sembra voler cedere di un centimetro sui suoi impegni con la compagnia di famiglia.

Sebbene negli ultimi anni la dirigenza della WWE sia cresciuta, con la figlia Stephanie, il genero Triple H e diversi bracci destri abbiano preso diverse responsabilità non indifferenti, Vince McMahon continua comunque a gestire il tutto dalle retrovie, tornando anche ad apparire negli ultimi mesi, ogni settimana al fianco di Austin Theory, talento in rampa di lancio di Monday Night Raw.

Bruce Prichard continua ad assistere all'incredibile lavoro di Vince McMahon

Nell'ultima puntata del suo Something to Wrestle with Bruce Prichard, il noto dirigente della WWE, ha voluto fare il punto della situazione in merito al dirigente massimo della compagnia e alla sua salute fisica e mentale.

Secondo il principale braccio destro di Vince in WWE, il patron della federazione non si muoverà di un passo per i prossimi anni, con Prichard che ha infatti affermato:

"Sì, non posso immaginarlo mentre fa altro o che smette di farlo e sono sicuro che continuerà probabilmente per i prossimi 25-30 anni.

Sua mamma ha 101 anni e ancora continua ad andare come un treno, sapete e lui non mostra per niente segni di voler rallentare per nulla" . Facendo un paragone con la mamma centenaria di Vince McMahon, Bruce Prichard ha cercato di far capire ai fan come il Chairman della WWE rimarrà inamovibile dal suo posto per i prossimi dicenni, finchè avrà fiato in corpo per portare avanti i suoi impegni, come la macchina da guerra che è sempre stato nella sua intera carriera, sin da quando ha rilevato l'azienda dalle mani del padre Vince McMahon Sr e fino ad oggi.