Vince Russo: "Vince McMahon ha già demolito la credibilità di Austin Theory"



by   |  LETTURE 1310

Vince Russo: "Vince McMahon ha già demolito la credibilità di Austin Theory"

Austin Theory ha detenuto l’Evolve Championship prima di unirsi alla WWE nell’agosto 2019. L’anno successivo, è stato nominato ‘Future Star’di NXT in occasione dei tradizionali NXT Year-End Awards.

Il 21 novembre scorso, alle Survivor Series, Theory ha partecipato al 5-on-5 Elimination match come membro del Team Raw contro il Team SmackDown, ma è stato eliminato da Jeff Hardy. Nella successiva puntata di Raw, Austin ha ottenuto da Vince McMahon la possibilità di sfidare Big E per il WWE Championship, non riuscendo tuttavia ad aggiudicarsi la vittoria.

Durante le ultime settimane, l’ex stella di NXT ha avuto parecchie interazioni con Vince McMahon nel backstage. Ad un certo punto, il boss della WWE lo ha addirittura schiaffeggiato per dimostrargli l’importanza dell’effetto sorpresa.

Ai microfoni di Sportskeeda, l’ex writer della WWE e della WCW Vince Russo ha espresso la sua opinione su questo angle abbastanza controverso.

Vince Russo non approva le scelte della WWE

“Non ho compreso fino in fondo l’essenza del rapporto tra Vince McMahon e Austin Theory.

Praticamente c’è Vince che lo insulta per quasi tutta la serata e finisce addirittura per dargli uno schiaffo in faccia. A me non interessa quale sia l’obiettivo finale di questo angle, è già tutto chiaro.

Vince McMahon ha demolito la credibilità di Austin Theory. Il suo personaggio non ha alcuna chance di risollevarsi” – ha sentenziato Russo. Fra marzo e giugno dello scorso anno, Theory ha lavorato al fianco di Zelina Vega a Raw, prima di interagire brevemente con Murphy e Seth Rollins.

È poi tornato a NXT, dove si è esibito insieme a Candice LeRae, Johnny Gargano e Indi Hartwell come membro di ‘The Way’. Russo ha provato a spiegare come mai i vertici della compagnia abbiano deciso di riportare Vince McMahon davanti agli schermi televisivi.

“Nelle loro menti annebbiate, pensano di poter tornare al 1999 facendo apparire nuovamente Vince in televisione. Questo è il loro banalissimo e stupidissimo obiettivo. Sono convinti che la presenza costante di Vince farà recuperare spettatori alla WWE nel giro di poco tempo. Una scelta del genere non merita alcun commento da parte mia”.