Lo splendido tributo di Jeff Hardy a Randy Orton



by   |  LETTURE 8301

Lo splendido tributo di Jeff Hardy a Randy Orton

Durante la sua lunga carriera in WWE, Randy Orton ha vinto dieci volte il WWE Championship, quattro volte il titolo dei pesi massimi e una volta ciascuno l’Intercontinental Championship, lo United States Championship, il World Tag Team Championship, il Raw Tag Team Championship e lo SmackDown Tag Team Championship, risultando essere il decimo wrestler nella storia ad aver completato il Grande Slam.

Il fuoriclasse di Knoxville si è inoltre aggiudicato la Royal Rumble nel 2009 e nel 2017, oltre ad essersi imposto nell’edizione 2013 del Money in the Bank (incassato con successo ai danni di Daniel Bryan). Detiene infine il record per il maggior numero di partecipazioni ai PPV nella storia della federazione (con 177 presenze).

Nel corso di una recente intervista a ‘VL Media’, Jeff Hardy ha parlato a lungo del suo rapporto con il ‘Legend Killer’.

Jeff Hardy rende omaggio a Randy Orton

“Randy Orton è un leggenda che ha attraversato parecchie generazioni.

Ha avuto un grande impatto su di me e abbiamo sempre avuto un’ottima chimica sul ring. Per qualche strana ragione, ha una profonda ossessione per le mie orecchie. Sono fortunato che siano ancora intatte” – ha scherzato Jeff.

“Io e Randy abbiamo dato vita ad alcune sequenze memorabili, soprattutto durante il nostro Hell in a Cell Match. È stato un vero onore poter lavorare insieme a lui” – ha aggiunto Hardy. Ospite del ‘Kurt Angle Show’ qualche settimana fa, il 14 volte campione del mondo ha parlato del suo futuro.

“Ho sempre detto a mia moglie Kim che – se dovesse avere la sensazione che io sia diventato la parodia di me stesso – deve farmelo notare immediatamente. Nel momento in cui non sarò più in grado di sostenere gli sforzi richiesti da questo business, appenderò gli stivali al chiodo.

Non mi preoccupa affatto la vita dopo il wrestling, avendo una moglie bellissima e cinque figli meravigliosi. Ho anche una splendida casa, quindi non posso davvero lamentarmi. Ho partecipato per la 15ma volta alle Survivor Series, un record pazzesco che la dice lunga sulla mia longevità”.