Shawn Michaels: "NXT è un marchio unico al mondo"



by   |  LETTURE 1115

Shawn Michaels: "NXT è un marchio unico al mondo"

Gli effetti della pandemia globale hanno stravolto anche il business dell’intrattenimento sportivo, obbligando la WWE ad adottare una serie di misure drastiche per rimanere in vita. La federazione di Stamford ha rilasciato un gran numero di superstar e addetti ai lavori nell’ultimo anno e mezzo, inclusi nomi di primissimo piano.

Alcuni di loro si sono trasferiti in AEW (All Elite Wrestling), azienda in grande ascesa, che è riuscita nell’impresa di ingaggiare due autentici fuoriclasse come CM Punk e Bryan Danielson. La compagnia di Vince McMahon sta cercando di rinnovare il proprio prodotto, fin troppo ancorato alle logiche del passato.

Una delle novità più rilevanti è stata senza dubbio l’introduzione di ‘NXT 2.0’ a partire dallo scorso settembre. Il marchio ‘Black and Gold’ vuole concentrarsi maggiormente sulla crescita dei giovani talenti e sullo sviluppo dei relativi personaggi.

Ai microfoni di Jim Varsallone, Shawn Michaels – WWE Hall of Famer e producer di NXT dal 2018 – ha analizzato nel dettaglio i recenti cambiamenti.

HBK svolge un ruolo importante a NXT

“Produrre nuove e giovani superstar è la parola d’ordine a NXT.

In realtà, si tratta spesso di atleti in circolazione da 10 o 15 anni a cui nessuno aveva dato l’opportunità di mettersi in mostra. Siamo l’unico marchio in tutto il mondo che si occupa della ‘produzione’ di nuovi wrestler, destinati un giorno a diventare le stelle di Raw e SmackDown.

Questo è il nostro principale obiettivo, è tutto molto semplice” – ha dichiarato HBK. “Ci sono tanti ragazzi di cui sono veramente orgoglioso. Superstar come Bron Breakker, Tony D’Angelo e Grayson Waller hanno effettuato dei progressi eccezionali negli ultimi mesi.

Alcuni di loro prenderanno parte a WarGames, uno degli show più importanti dell’anno” – ha aggiunto Michaels. Ospite di Ryan Satin su ‘Busted Open Radio’, la WWE Hall of Famer Beth Phoenix ha parlato a lungo di NXT 2.0.

“La filosofia è leggermente cambiata rispetto a prima. Adesso puntiamo soprattutto a far crescere i personaggi, in modo che la gente possa affezionarsi a loro. Gli atleti trarranno enormi benefici da questo processo di rinnovamento”.