Jeff Hardy spiega il motivo del suo addio dalla WWE nel 2003



by   |  LETTURE 1432

Jeff Hardy spiega il motivo del suo addio dalla WWE nel 2003

Jeff Hardy ha ottenuto un gran successo con la WWE grazie anche a diverse collaborazioni avute durante la sua carriera. Nel 2003 però Jeff Hardy è stato rilasciato dalla WWE dopo essersi rifiutato di andare in riabilitazione e durante un'apparizione a Broken Skull Sessions ha spiegato i motivi del suo addio.

Jeff Hardy: "Ho sempre negato il mio problema con l'alcol"

Sul suo problema: “Quella è stata la prima volta che ho negato la riabilitazione. Negavo il mio problema con l'alcol. Pensavo di avercela fatta e di aver controllato la mia dipendenza.

E poi anche in TNA sono diventato un po' stravagante e alla fine sono finito per essere licenziato anche da lì per essermi perso alcuni show o qualcosa del genere" Dopo essersi unito alla TNA nel 2004, Jeff Hardy ha lasciato la federazione quando è stato rilasciato nel 2006 e Jeff ha deciso poi di risolvere il suo problema con l’alcol, una volta per tutte: "Da solo sono andato ad alcuni eventi live della TNA e non solo.

In quel momento, ero andato a uno SmackDown della WWE a Norfolk, in Virginia. Ho detto a tutti che stavo bene. Era ovvio perché avevo un aspetto molto diverso rispetto a prima. A quel punto ho ricevuto offerte sia dalla TNA che dalla WWE e quindi ho dovuto scegliere.

E’ stata un’altra fortuna che ho avuto e ho dovuto prendere una decisione. Alla fine ho preso la decisione di tornare al punto in cui era iniziato tutto e sono ritornato in WWE" Su una possibile reunion degli Hardy Boys con suo fratello Matt Hardy, in un'intervista a TalkSPORT, ha dichiarato: "Credo che succederà di sicuro ma non saprei dire per certo dove.

Quello che è certo però è che succederà e sarà di nuovo entusiasmante. Potrebbe succedere in qualsiasi posto, il wrestling è imprevedibile. I contratti scadono, la gente viene licenziata e succede di tutto. Perciò, staremo a vedere. Io penso che le nostre strade si incroceranno di nuovo, ancora una volta”.