Paul Heyman: "Ecco cosa dovrebbero fare oggi le nuove leve della WWE"



by   |  LETTURE 852

Paul Heyman: "Ecco cosa dovrebbero fare oggi le nuove leve della WWE"

Una delle menti più brillanti del backstage della WWE, è sicuramente Paul Heyman, avvocato di Brock Lesnar e consigliere personale del campione Universale di Smackdown, Roman Reigns, che on-screen ricopre questi ruoli, ma nel backstage della WWE e di altre importanti compagnie della storia del pro-wrestling è sempre stato uno dei creatori e dei producer più brillanti di tutti.

Anche al momento, il Mad Genius è uno dei principali artefici della storyline del Bloodline, con Heyman che si occupa di creare o modificare ogni singolo promo o segmento che coinvolge lui e Roman Reigns, proprio come fa anche con Brock Lesnar, quando quest'ultimo torna a calcare i ring della famiglia McMahon, dopo qualche mese di distanza dalla sua ultima apparizione.

Paul Heyman ed il futuro dei giovani atleti sui ring WWE

Nella sua ultima intervista rilasciata ai microfoni di Ariel Helwani per BT Sport, uno degli attuali e passati manager più importanti della storia del wrestling, ha voluto rivelare quello che pensa possa essere uno dei consigli più importanti per far sfondare le nuove leve in WWE, sia dalla parte dei talenti emergenti, sia da parte dei dirigenti che si devono occupare della loro valutazione.

In merito a questo argomento, Heyman ha assicurato:

"Se io fossi un giovane talento in questa industria, non vorrei attendere di arrivare in alto, passando dalle posizioni più in basso, ma opterei subito per l'apice massimo.

Mettetemi lì e vi farò vedere cosa so fare, non fatemi riempire il settimo match della card con qualcuno solo come riempitivo, ma mettete questo nuovo ragazzo qui e vedrete se affogo o nuoto. Se affogo, sarò solo uno dei tanti ragazzi che escono dalla porta da dove sono entrati, senza avere nessun tipo di connessione con il pubblico o come uno dei tanti rilasciati dopo anni di nulla.

Sarò uno dei nuovi ragazzi che è pronto per la porta, chi si preoccuperebbe di me. Ma se colpisco il centro? Se ho connessione? Se riesco a interagire? Se riesco a far guadagnare soldi? Se vendo magliette? Se divento un box-office?" .