Big E: "Ecco chi dovrebbe vincere la Royal Rumble 2022 della WWE"



by   |  LETTURE 2012

Big E: "Ecco chi dovrebbe vincere la Royal Rumble 2022 della WWE"

Negli ultimi mesi, il New Day ha avuto un grandissimo spolvero sui ring della WWE, con la coppia formata da Xavier Woods e Kofi Kingston che ha prima vinto i titoli di coppia insieme e poi ha visto vincere da parte di Woods anche il torneo del King of the Ring, aprendo una clamorosa faida nientemeno che con il Tribal Chief di Friday Night Smackdown, Roman Reigns.

Se il 2020 ed il 2021 di Woods e Kingston sono stati grandiosi, per Big E, questo biennio è stato a dir poco clamoroso, con il più massiccio del trio che ha prima vinto il titolo Intercontinentale in singolo, per poi passare al Money in the Bank ed infine incassare la valigetta su Bobby Lashley, laureandosi per la prima volta nella storia della WWE e della sua carriera: WWE Champion.

Big E augura a Cesaro di vincere la Royal Rumble 2022

Nella sua ultima intervista rilasciata ai microfoni di Barstool's Rasslin' podcast, Big E ha voluto parlare anche di grandi promesse e grandi progetti per il 2022, con la classica domanda che è arrivata anche per lui, ovvero 'Chi vincerà la Royal Rumble del prossimo anno secondo te?'

A tale domanda, il WWE Champione ha risposto abbastanza a sorpresa, dicendo:

"Oh, questa è una grande domanda. Non vorrei tirare fuori risposte abbastanza scontate, tipo 'Beh sarebbe un membro del New Day, direi o Kofi o Woods sicuramente'

Quindi, vi dirò qualcuno che non fa parte del nostro team. Sapete cosa, diamo una chance - Cesaro dovrebbe vincere la Royal Rumble. Amico, Cesaro è dannatamente bravo in tutto quello che fa sul ring. Mi piacerebbe rivedere Cesaro in fiamme ancora una volta" .

Anche per l'atleta svizzero della WWE, (proprio come per Big E fino allo scorso anno), manca ancora il grande salto di qualità, con la WWE che non gli ha mai concesso una grande opportunità, nè la vittoria della Rumble, nè la vittoria del Money in the Bank, con il Chairman della federazione che lo ha sempre considerato un grandissimo worker, ma che non lo ha mai spinto verso le alte vette della compagnia, lasciandolo sempre nel mid-carding.