Becky Lynch e Charlotte Flair: la loro amicizia è davvero finita?



by   |  LETTURE 2122

Becky Lynch e Charlotte Flair: la loro amicizia è davvero finita?

Ai microfoni dello show The MMA Hour, il conduttore Ariel Helwani ha chiesto a Becky Lynch una serie di cose riguardo Charlotte Flair, come ad esempio cos’è accaduto backstage la sera del 22 ottobre durante SmackDown.

Quando Becky gli ha raccontato la sua versione dei fatti, l’uomo poi le ha chiesto se preferirebbe non lavorare più con la Regina, dato che il 21 novembre di sfideranno in pay-per-view, e lei ha risposto: "Mi piace anche il denaro e questo è denaro. La gente è interessata e mi piace che la gente sia interessata e non sappia come andrà a finire. Non so come andrà a finire. Non so se ci sarà una vera e propria rissa dietro ogni mossa o se riusciremo ad arrivare al match o se ci sarà una rissa dietro le quinte. Non so cosa succederà. È eccitante per me, probabilmente snervante per l’ufficio.”

Poco dopo poi lui glielo ha richiesto come per avere una risposta più definitiva e lei ha risposto che no, non vorrebbe più lavorare con Charlotte e spera che tutto sia finito dopo le Survivor Series.

Perché la loro amicizia non ha funzionato?

The Man poi ha spiegato per quale motivo le due non sono più amiche, incolpando di tutto la sua ex migliore amica: "La mia stella stava sorgendo. Eravamo migliori amiche e tutto ha funzionato quando lei era in cima e io ero sotto. Tutti abbiamo potuto vedere come stavano andando le cose nel 2019 e la gente si stava davvero radunando dietro di me e questo cambiamento mi avrebbe messa ad un livello diverso e non credo che lei potesse accettarlo e non è stata in grado di sopportarlo. 

Penso che abbia influenzato il suo lavoro, anche ora. Lei è potenzialmente una delle più grandi, ma sono così nella sua testa che si è un po’ persa e ha perso delle capacità. Ha quella gelosia e quel diavoletto sulla sua spalla. Quel diavolo sono io, sempre un passo avanti a lei e non le piace. Pensava che il suo diritto di nascita fosse che lei è la star. Non importa se ho iniziato a lottare quando avevo 15 anni e ho lasciato casa e viaggiato per il mondo per inseguire il sogno. Non importa che io non fossi una dei prescelti. Lei è nata in questo e se lo merita. Penso che questo sia il suo modo di pensare, e sappiamo da dove ha preso questa idea e non è stata in grado di accettare la cosa.”