Jim Ross: "Le superstar della WWE hanno uno sviluppo troppo lento"



by   |  LETTURE 1368

Jim Ross: "Le superstar della WWE hanno uno sviluppo troppo lento"

Gli effetti della pandemia globale si sono fatti sentire anche per la WWE, obbligata a licenziare un gran numero di superstar e addetti ai lavori nell’ultimo anno e mezzo. Le arene vuote e la successiva crisi non spiegano fino in fondo il crollo degli ascolti che la compagnia ha accusato negli ultimi tempi.

L’ascesa della All Elite Wrestling – capace di ingaggiare due fenomeni come CM Punk e Bryan Danielson – non ha certo aiutato l’azienda di Vince McMahon, che sta soccombendo sempre di più nella fascia demografica dai 18 ai 49 anni.

I detrattori ritengono che la federazione di Stamford non abbia avuto il coraggio di rinnovare il proprio prodotto in questi anni, limitandosi a proporre le stesse storie con qualche piccolo aggiustamento. A ciò si aggiunga la difficoltà da parte della WWE nel creare superstar popolari e riconoscibili, che siano in grado di attirare nuove fette di pubblico.

Di recente, sono stati apportati dei cambiamenti al marchio di NXT, favorendo lo sviluppo di giovani talenti che erano relativamente sconosciuti prima di debuttare in televisione. Nell’ultima edizione del suo podcast ‘Grilling JR’, il WWE Hall of Famer Jim Ross ha analizzato il nuovo approccio di Vince McMahon e soci.

JR analizza i problemi della WWE

“Il mio parere è che la programmazione e l’organizzazione della WWE siano diventate un po’ stantie. Stanno cercando disperatamente di invertire la rotta e di ‘svecchiare’ il roster.

L’esempio di NXT è emblematico in tal senso” – ha esaminato JR. “Mi viene in mente il caso di Big E, che sta vivendo probabilmente il miglior momento di tutta la sua carriera. Non parliamo di un wrestler giovanissimo, hanno aspettato troppo tempo prima di farlo salire di livello.

C’è un evidente ritardo nella progressione degli atleti, non so se mi spiego” – ha aggiunto. Big E aveva 26 anni quando ha esordito nel roster principale della WWE (era il 2012). Il membro dello Shield ha conquistato per la prima volta il WWE Championship solo quest’anno, strappandolo dalle mani di Bobby Lashley.

“I fan del wrestling amano il nuovo e adorano le sorprese, l’ho ripetuto fino alla nausea” – ha chiosato Jim.