WWE Crown Jewel: il bilancio di Stephanie McMahon



by   |  LETTURE 1107

WWE Crown Jewel: il bilancio di Stephanie McMahon

La WWE ha appena ospitato uno degli eventi più attesi del suo calendario, vale a dire Crown Jewel. La compagnia di Stamford si sta lentamente rialzando dopo aver dovuto fare i conti con la grave crisi legata alla pandemia.

Più di 50 superstar sono state costrette a fare i bagagli nell’ultimo anno e mezzo, inclusi nomi di primissimo piano come Braun Strowman, Aleister Black, Andrade, Mickie James e persino Bray Wyatt. Lo show che si è svolto in Arabia Saudita un paio di giorni fa è stato caratterizzato da due match femminili di grande spessore.

Nel primo incontro, Zelina Vega ha sconfitto Doudrop diventando la prima vincitrice del ‘Queen’s Crown tournament’. A seguire, Becky Lynch ha respinto l’assalto di Sasha Banks e Bianca Belair conservando lo SmackDown Women’s Championship.

Tutte e cinque le ragazze hanno mostrato il loro enorme talento davanti al mondo. Il triple threat match fra Sasha, Becky e Bianca è stato il punto più alto dell’intera serata. Non a caso, Stephanie McMahon ha usato il suo profilo Twitter per esternare tutta la propria soddisfazione.

Donne protagoniste a Crown Jewel

“Ogni volta che le donne della WWE si esibiscono su un palcoscenico globale, non deludono mai le aspettative. I match andati in scena a Crown Jewel non hanno fatto eccezione. Sono davvero orgogliosa dell’esempio che queste ragazze stanno dando a milioni di bambini che le ammirano in tutto il mondo” – ha twittato Stephanie.

L’ascesa della divisione femminile è stata suggellata dalla creazione di WWE Evolution, il primo pay-per-view dedicato interamente alle donne nella storia della compagnia. Il 28 ottobre 2018, l’evento si è tenuto al Nassau Veterans Memorial Coliseum di Uniondale, New York.

Nella suddetta circostanza, Ronda Rousey ha sconfitto Nikki Bella per sottomissione nel main event e ha mantenuto il titolo di campionessa di Raw. Becky Lynch ha invece piegato Charlotte Flair in un ‘Last Woman Standing match’ valevole per la cintura di SmackDown.

Il 14 volte campione del mondo Triple H ha spiegato che le donne meritavano l’opportunità di mostrare a tutti le loro abilità.