Produttore WWE nega alcune voci sulla Friday Night War con la AEW



by   |  LETTURE 902

Produttore WWE nega alcune voci sulla Friday Night War con la AEW

Il 18 ottobre i fans di wrestling sono venuti a conoscenza dei ratings della ormai famosa Friday Night War, perché come ben sappiamo lo scorso venerdì SmackDown si è messo in competizione con AEW Rampage.

Infatti la compagnia di Stamford ha allungato il proprio show di mezz’ora, con quest’ultima mandata in onda senza interruzioni pubblicitarie, che ovviamente si è sovrapposta a Rampage, che solitamente viene trasmesso dopo lo show blu.

Ovviamente in tutta risposta Tony Khan ha messo gratuitamente il Buy In di Rampage sul canale YouTube della sua compagnia, con un match epico come quello tra i due professionisti Minoru Suzuki e Bryan Danielson.

In generale SmackDown ha guadagnato più visualizzazioni, nonostante lo spostamento su FS1 che gli ha fatto perdere parecchi spettatori per una puntata davvero bella, ma entrambi gli show hanno guadagnato gli stessi ascolti nella fascia d’età compresa tra i 18 e i 49 anni. Mentre Rampage, ha battuto SmackDown proprio durante quei 30 minuti in più.

Le reazioni post ratings

È stato poi riportato, una volta uscite tutte le notizie ufficiali del caso, che questi dati avrebbero scatenato backstage WWE una forte discussione, cosa scritta dall’ormai noto account WrestleVotes e poi confermata dal giornalista Andrew Zarian: “Tutto quello che dirò è che la notizia sui numeri è un argomento caldo proprio ora nel backstage.”

Qui però qualcuno ha deciso di non rimanere in silenzio a leggere queste cose, infatti Hurricane Helms, meglio conosciuto ora come Shane Helms, uno degli attuali produttori in WWE, ha fatto sapere la sua attraverso un tweet di risposta al Rajah Wrestling News: “Come qualcuno che era presente, non ho sentito una singola parola sull’argomento. Non una singola parola.”

Questa settimana non ci sarà nessuna guerra tra le due compagnie, ma quella successiva a suo modo si, perché la WWE tornerà su FS1 e manderà in onda, subito dopo lo show, Talking Smack, che andrà a sovrapporsi di nuovo con Rampage.