WWE Superstar donerà in beneficienza i proventi di Crown Jewel



by   |  LETTURE 739

WWE Superstar donerà in beneficienza i proventi di Crown Jewel

Gli show che la WWE manda in onda dall'Arabia Saudita, molto spesso vengono visti di cattivo occhio dal resto del mondo, soprattutto per le politiche un po' particolari del paese asiatico, sia in materia di libertà verso le donne, sia in materia di etnia.

Non è un segreto, infatti, quello che vede Sami Zayn non venire mai utilizzato dalla compagnia di Stamford per un evento su suolo arabo, essendo Sami di origini siriane e avendo anche dei tatuaggi che lo attestano sul proprio corpo.

Secondo alcune informazioni riportate ormai due anni fa, Sami sarebbe stato espressamente "bandito" per volere del principato arabo da tutti gli eventi WWE nel paese asiatico, con la WWE che non ha potuto far altro che accettare.
A causa di tutto ciò, diversi degli atleti dei McMahon, pensano di fare una cosa buona, quando vanno a donare i propri proventi di questi show tenuti in Arabia, in beneficienza.

Mustafa Ali donerà il suo compenso in beneficienza

Come già successo in altri eventi di questo tipo, Mustafa Ali ha deciso di donare interamente il suo compenso per Crown Jewel in beneficienza, con i proventi di Super ShowDown del 2019, che andarono infatti all'ente benefico Charity Water.

Con questo messaggio, Mustafa Ali ha voluto avvertire i fan della sua iniziativa benefica, scrivendo:


"I proventi dell'evento del 21/10 saranno donati in beneficienza" .

Ricordiamo come Mustafa Ali sarà chiamato a scontrarsi con Mansoor, l'idolo di casa in Arabia Saudita. Nonostante Mustafa Ali sia musulmano, è comunque di origini pakistane e sarà quindi probabilmente odiato dal pubblico di casa che prediligerà le prestazioni di Mansoor sui ring di Riad, un po' come succedeva in Italia da noi, con i vari Santino Marella, Cesaro e Fabian Aichner, tutti molto vicini all'Italia.
Un altro grande gesto di umanità da parte di un wrestler molto famoso a livello globale, con le Superstar della WWE e non, che hanno sempre dato una grande mano a livello benefico, come i vari Chris Jericho e John Cena hanno fatto negli anni, aiutando soprattutto colleghi finiti in disgrazia o famiglie rimaste orfane del padre, morto a causa del wrestling o per colpa di sciagure varie.