Bubba Ray parla della sua ultima esperienza in WWE



by   |  LETTURE 1413

Bubba Ray parla della sua ultima esperienza in WWE

Dopo la separazione dalla WWE nel 2006, i Dudley Boyz fecero finalmente il loro tanto atteso ritorno alla compagnia di Stamford, nell'estate del 2015.
I fan avevano grandi aspettative per il loro ritorno, ma sembra che Bubba Ray e D-Von Dudley siano tornati in una WWE completamente diversa, rispetto a quella di cui facevano parte qualche anno fa.

Bubba Ray:"Mi sono sentito soffocare dalla WWE"

Durante una recente apparizione su Stories con Brisco e Bradshaw, l'Hall of Famer WWE, Bubba Ray Dudley, ha parlato della sua ultima esperienza con la compagnia, spiegando perché la sua ultima avventura nella federazione di Stamford non sia andata come avrebbe voluto: “Quando D-Von e io ce ne siamo andati nel 2006, ricordo com'era la WWE.

Quando siamo tornati nel 2015 però, non era nulla più come prima. Mi sono sentito soffocare, non ero più libero. Questo perchè è quasi tutto gestito da un agente. Ti viene detto che due Superstar non possono fare più voli dalle scale o alimentare un return, o che non puoi fare niente alle spalle dell'arbitro.

Tutto ciò che ha funzionato nell'era Attitude e che ha fatto guadagnare a tutti noi un sacco di soldi, ora non si poteva fare più perchè non andava più di moda. E non c'era davvero una buona ragione per cui non volessero più fare determinate cose.

Non volevano e basta, fine"

Bubba raccontò inoltre l'esperienza avuta con un agente:"Ricordo che una volta mi era venuta in mente qualcosa di diverso, chiesi al mio agente di andare a proporla da Vince.

L'agente accettò, lo seguii per diverso tempo, ma non parlò mai davvero con lui. Poi venne da me e mi disse che Vince non voleva farlo. Persi tutto il rispetto nei suoi confronti. Preferivo mi dicesse in faccia 'Non voglio andare a parlare ora con Vince, vai a farlo tu'

Ma così non fu. In passato Vince mi propose anche il ruolo di produttore ma rifiutai, non mi sarei mai sentito soddisfatto con quel ruolo dal punto di vista creativo"