Braun Strowman: "Ho rischiato seriamente di non esordire nemmeno in WWE"



by   |  LETTURE 1670

Braun Strowman: "Ho rischiato seriamente di non esordire nemmeno in WWE"

Nel bene e nel male, Braun Strowman è stato uno dei wrestler più popolari della WWE nell’ultimo decennio. Le sue dimensioni e il suo fisico lo hanno reso sin da subito un’attrazione speciale agli occhi dei fan, ma la compagnia di Stamford è riuscita a sfruttarne a pieno l’enorme potenziale soltanto in alcune fasi della carriera.

Il suo miglior anno è stato sicuramente il 2017, ma il suo slancio è crollato improvvisamente dopo aver rimediato una sonora sconfitta da Brock Lesnar a No Mercy. È vero che ‘The Monster Among Men’ si sarebbe poi aggiudicato l’Universal Championship a WrestleMania, ma il suo regno non ha mai trovato il giusto riconoscimento da parte del WWE Universe.

Dopo aver perso la cintura per mano di ‘The Fiend’ Bray Wyatt qualche mese più tardi, la sua avventura in WWE è entrata in una parabola discendente fino al giorno del suo rilascio. Il suo nome è stato infatti inserito nella lista degli atleti costretti a fare i bagagli per attenuare le durissime conseguenze della pandemia globale.

In una lunga intervista riportata da Sportskeeda, Strowman ha ammesso di aver rischiato di lasciare la WWE ancor prima del suo esordio a Raw nell’agosto 2015.

Strowman ricorda i suoi inizi in WWE

“Durante la mia carriera in WWE, sono state numerose le occasioni in cui sono andato vicinissimo a lasciar perdere tutto.

Quando ero nel circuito di sviluppo, avevo seri dubbi che ce l’avrei fatta a sfondare nella compagnia” – ha raccontato Braun. “Avevo subito una marea di infortuni e la mia vita stava gradualmente mutando per via della convivenza con il dolore” – ha aggiunto.

Strowman ha combattuto un solo match al di fuori della WWE fino ad ora, quello contro EC3. Nonostante le indiscrezioni delle ultime settimane, pare che Vince McMahon non abbia alcuna intenzione di ingaggiare nuovamente Braun.

“Non c’è stata alcuna offerta e non c’è interesse a riportarlo indietro. La sua clausola di non competizione di 90 giorni è ormai scaduta, quindi è libero di iniziare una nuova avventura nel pro-wrestling” – si legge sul portale Ringside News.