Ex atleta WWE: "Avevo chiesto di tornare ad NXT prima del mio rilascio"



by   |  LETTURE 1227

Ex atleta WWE: "Avevo chiesto di tornare ad NXT prima del mio rilascio"

Nel corso di questo terribile biennio in WWE, parliamo ovviamente del 2020-2021, la compagnia di Stamford è andata a rilasciare decine e decine di atleti, per colpa del covid e della situazione legata ad esso, che ha portato la federazione dei McMahon a fare dei tagli drastici, sia nel comparto degli atleti, sia in quello degli addetti ai lavori o quello degli uffici di Stamford.

Tra i tanti rilasciati dalla WWE, in questo periodo sono rientrate anche le IIconics, ex campionesse tag team del main roster, che inizialmente sembravano poter avere un futuro abbastanza roseo sui ring dei McMahon e che invece piano piano sono state sempre messe da parte, per favorire invece altre atlete, con le due che sono state scartate da ogni idea principale dei due roster principali WWE.

Peyton Royce voleva tornare ad NXT prima del rilascio

Nella sua ultima intervista, Peyton Royce, la quale è tornata a farsi chiamare con il suo vero nome dopo il rilascio in WWE, ovvero Cassie Lee, è tornata a parlare dell'ultimo periodo in WWE, quando la compagnia l'aveva già separata da Bilie Kay, anch'essa adesso con un nuovo nome, ovvero quello di Jessica McKay, suo vero nome.

Ai microfoni di SB Nation, Cassie ha infatti raccontato:

"Ho chiesto di tornarci (ad NXT ndr). Era quello a cui aspiravo e che mi era stato detto che andava bene. E poi, sono stata rilasciata (risate ndr)" Dopo essere riuscita a strappare una promessa alla dirigenza sul fatto che l'avrebbero riportata ad NXT, una grave mancanza di piani creativi per lei, ha spinto la WWE a rilasciare l'atleta, come successo con molti altri atleti, che hanno visto pian piano il loro personaggio sparire dai ring che contano e dalle storyline che contano, per essere alla fine licenziati.
Nonostante tutto, le IIconics sono riuscite a detenere per ben 120 giorni i titoli di campionesse tag team della WWE, quando il titolo veniva difeso in tutti e tre i roster della compagnia e sono rientrate anche nei 50 migliori tag team della rivista PWI del 2020, il che non è una cosa da tutti i team femminili, soprattutto quelli della WWE.