Star WWE rivela: "Mi sono trovato in netto disaccordo sul mio personaggio"



by   |  LETTURE 1312

Star WWE rivela: "Mi sono trovato in netto disaccordo sul mio personaggio"

Quando parliamo di Seth Rollins trattiamo sicuramente di una delle star più importanti della WWE degli ultimi anni. Il 'Messiah', intervenuto nel corso dello show Broken Skull Sessions di Stone Cold Steve Austin ha raccontato diversi aneddoti riguardo la sua esperienza nella prima compagnia di wrestling al mondo.

In particolare nel Novembre del 2015 il wrestler fu colpito da un grave infortunio al ginocchio, situazione che lo costrinse anche a rinunciare al WWE Championship e Rollins ha rivelato di avere idee totalmente differenti riguardo il suo rientri, mesi dopo, in compagnia.

Seth Rollins infatti si vedeva al rientro come un Babyface e voleva diventare l'idolo dei fan mentre Vince McMahon e tutti coloro che gestivano la compagnia optarono invece per un suo rientro come Heel, come difatti avvenne nel Maggio 2016 contro Roman Reigns.

.

Le parole di Seth Rollins sul suo ruolo in WWE

Continuando il wrestler ha parlato cosi:
"I fan nom avevano ancora accettato Roman come il top campione babyface e non sembrava che fossero pronti per questo. Io tornavo per il titolo che non avevo mai perso e tutto aveva perfettamente senso.

Io pensavo che sarei tornato come Babyface, ma la compagnia la pensava in maniera totalmente diversa da me e questo per un certo verso mi disturbo' abbastanza. Immaginavo ormai da tempo di essere acclamato come Babyface dai fan ed ero pronto per lo slancio nel mio regno.

Mi sentivo pronto"

Un mese dopo il suo ritorno in quell'occasione, nel Money in the Bank 2016, Seth Rollins riuscì a battere l'allora campione Roman Reigns ed allo stesso tempo intervenne Dean Ambrose per incassare la valigetta e diventare cosi il terzo membro dello Shield a detenere il titolo nél corso della stessa notte"

Nel corso della trasmissione Seth Rollins ha poi rivelato che c'era stato un periodo complicato con la compagnia e che sentiva di come Vince McMahon e tutta la dirigenza non sentivano fiducia nei suoi confronti e che fece di tutto per convincerli a cambiare idea.