Riddle: "Non ho mai amato lo stile di Goldberg"



by   |  LETTURE 953

Riddle: "Non ho mai amato lo stile di Goldberg"

Riddle è fra i wrestler che hanno risentito meno degli effetti della pandemia globale, capace di stravolgere il mondo intero nell’ultimo anno e mezzo. Il ‘King of Bros’ è riuscito ad esprimere tutto il suo talento nel main roster, togliendosi anche più soddisfazioni di quanto non avesse fatto durante la sua permanenza a NXT.

La strana e bizzarra alleanza con una leggenda del calibro di Randy Orton lo ha aiutato a crescere ulteriormente, tanto è vero che oggi Matt rappresenta una delle certezze indiscusse di Raw. Nell’episodio del marchio rosso andato in scena questa settimana, ha fatto il suo ritorno Bill Goldberg per la prima volta dopo SummerSlam.

L’ex campione Universale ha ribadito i suoi propositi di vendetta nei confronti di Bobby Lashley, reo di aver brutalmente assalito suo figlio Gage durante il PPV più importante dell’estate. Pur essendo un’icona di questo business, non tutti adorano lo stile di Goldberg.

Nel corso dell’ultima puntata di ‘Out of Character’, Riddle ha ammesso di non essere mai stato un grande estimatore di Bill.

Riddle dice la sua opinione su Goldberg

“C’è grande rispetto fra me e Goldberg, voglio precisare questo aspetto prima di esporre il mio punto di vista” – ha esordito Riddle.

“Non ho mai avuto nulla da ridire in merito all’impatto che Bill ha avuto sul settore del wrestling professionistico. Tuttavia, non sono mai stato un fan del suo stile sul ring. Mi piacciono i suoi promo, mi piace il modo in cui parla, mi piacciono le sue mosse, ma non amo guardare i suoi incontri.

Preferisco di gran lunga altre tipologie di superstar. Al tempo stesso, rispetto la sua aura e tutto ciò che ha fatto per aumentare la popolarità della WWE” – ha spiegato ‘The Original Bro’.

Durante la sua carriera in WWE, il 54enne di Tulsa ha totalizzato 313 vittorie su 365 match disputati, oltre ad essere rimasto imbattuto per 456 giorni consecutivi. Il quattro volte campione del mondo, che è stato introdotto nella Hall of Fame tre anni fa, ha un contratto che lo lega alla federazione di Vince McMahon fino al 2023.