Eric Bischoff: "AEW deve stare molto attenta con CM Punk"



by   |  LETTURE 3979

Eric Bischoff: "AEW deve stare molto attenta con CM Punk"

Non è un segreto che la trattativa che dovrebbe portare CM Punk in All Elite Wrestling sia a buon punto, mentre c’è maggiore incertezza sul futuro di Daniel Bryan. La superstar di Chicago ha lasciato la WWE nel lontano 2014, ma da allora non si sono mai placate le voci relative ad un suo possibile ritorno sul ring.

Quando è entrato a far parte del team di ‘WWE Backstage’ su FOX, erano in molti a ritenere che Punk sarebbe tornato presto sotto l’egida di Vince McMahon, ma quell’ipotesi è tramontata ancor prima di fare breccia.

Nel frattempo, gli analisti si interrogano sull’eventuale impatto che un atleta del calibro di Punk avrebbe nell’azienda di Tony Khan. Molti esperti credono che dovrebbe scontrarsi rapidamente con le migliori star di AEW, mentre altri consigliano un atteggiamento più prudente almeno nelle fasi iniziali.

Nell’ultimo episodio del suo podcast ’83 Weeks’, l’ex general manager di Raw Eric Bischoff ha appoggiato quest’ultimo punto di vista.

CM Punk è vicinissimo alla AEW

“Non metterei subito CM Punk in una posizione di primo piano” – ha spiegato Bischoff.

“Il rischio sarebbe quello di distruggere tutto ciò che All Elite Wrestling è stata in grado di costruire fin dalla sua nascita. Non è necessario forzare i tempi, anzi mi piace l’idea che Punk si guadagni mese dopo mese le sue opportunità lì dentro.

Ci sono dei bravissimi professionisti che si occupano di tutto ciò, ma questo è il mio pensiero al riguardo” – ha continuato. Secondo parecchi addetti ai lavori, il debutto di Punk potrebbe avere luogo a ‘All Out 2021’, che si terrà nella sua Chicago.

Non è da escludere nemmeno una sua partecipazione ad ‘AEW Rampage’. L’ex campione del mondo ha incontrato per la prima volta Tony Khan nel 2019, quando AEW era ancora nelle prime fasi del suo sviluppo.

“Non ho tutta questa fretta di tornare a lottare, ecco perché ho sempre adottato un approccio attendista in questi anni. Io e Tony Khan abbiamo parlato di vari argomenti, ma non c’è alcuna fretta di arrivare ad un accordo”.