Quella volta che la WWE comprò quasi la CMLL messicana



by   |  LETTURE 1286

Quella volta che la WWE comprò quasi la CMLL messicana

Una delle federazioni messicane più famose e più di prestigio del paese delle Americhe, è sicuramente la CMLL, acronimo di Consejo Mundial de Lucha Libre, probabilmente federazione seconda solo alla AAA messicana, che sarebbe come la WWE degli Stati Uniti, in quanto a importanza storica e ridondanza a livello mediatico.

Nel corso degli anni, dalla CMLL sono passati gli atleti messicani più importanti di tutti, tra cui poi tanti altri sono andati a finire sui ring della AEW o su quelli della WWE dei McMahon e tanti altri ancora sono poi tornati ad esibirsi proprio lì, dove erano cresciuti a livello professionale.
A quanto pare, secondo quanto rivelato da Dave Meltzer in una delle sue ultime Newsletter, ci sarebbe in giro per gli ambienti della WWE una storia che riguarderebbe proprio il Chairman della compagnia, Vince McMahon, che qualche anno fa avrebbe avuto l'idea di acquistare in toto la compagnia messicana, per poi fare razzia dei suoi talenti migliori, con l'intento di mandarli on-screen sui suoi ring negli States.

Vince McMahon voleva sfondare nel mercato messicano?

Secondo la storia raccontata da Dave Meltzer, i microfoni del Wrestling Observer, che al momento non trova conferme negli ambienti interni della WWE, ma rimane pur sempre una grande indiscrezione del dietro le quinte della compagnia di Stamford:

"Non so se lo sapevate, c'erano stati alcuni discorsi anni fa in merito alla WWE che voleva comprare la CMLL.

La WWE voleva entrare nel mercato del Messico con l'idea di prendere la creme de la creme dei talenti messicani e spedirli poi nel mercato degli USA. Il pensiero della WWE era che loro avessero i talenti migliori, che la AAA non sapeva tenersi e quindi avesse il meglio che il Messico potesse offrire.

Quando l'idea divenne più concreta, con la CMLL pronta ad essere venduta, loro volevano vendere anche le arene come parte dell'accordo con la WWE, ma la federazione non voleva così tante arene vecchie" . In pratica, secondo quanto affermato da Meltzer, un mucchio di arene vecchie avrebbe fatto saltare l'accordo del secolo nel mercato messicano da parte della federazione di Stamford.