Keith Lee parla della sua assenza dalla WWE: “È diventata una lotta contro la morte”



by   |  LETTURE 2752

Keith Lee parla della sua assenza dalla WWE: “È diventata una lotta contro la morte”

A maggio il Wrestling Observer aveva affermato quanto segue riguardo l’assenza di Keith Lee: "In sintesi, a quanto pare Keith Lee non è stato dichiarato abile a livello medico a tornare a lottare, ma lo stesso atleta avrebbe deciso di mantenere tale decisione e le ragioni di questa private”.

E le cose sono rimaste tali fino a poco fa, quando Keith Lee ha deciso di pubblicare su YouTube, come aveva anticipato in un suo tweet, proprio per dire la verità su tutto quanto per rassicurare tutti i fans.

La verità di Lee

Di seguito riportiamo le frase principali dette da Keith Lee che riassumono quello che ha passato: “[…] Alla fine di gennaio sono mancato per tre settimane in tv e in quel momento ho contratto il covid e prima che io continui lasciatemi precisare una cosa perché ho visto dei commenti maleducati su Mia Yim, qualcuno ha detto che è stata colpa sua se non c’ero e ho preso il covid.

Lasciate che io sia ben chiaro: se non fosse stato per lei non so dove sarei ora. Io ho preso il covid, lei no, poi l’ha preso perché si è rifiutata di non prendersi cura di me e questo le è costato un posto nella Royal Rumble.

[…]” Poi è arrivato più al dunque: “[…] Poi sono tornato a febbraio per un match contro Matt Riddle e il giorno dopo ho ricevuto una telefonata che mi diceva che avevo qualcosa che non andava nel mio sangue […] Avevo il cuore infiammato e questo ha portato ad un periodo molto spaventoso.

Mi è stata proibita qualsiasi attività tranne una camminata leggera. C’era la paura che fare più di quello avrebbe portato ad una possibilità di farmi morire. Per tre o quattro mesi ho avuto diverse risonanze magnetiche al mio cuore […] quindi questa è diventata una lotta contro la morte”.

Poi prosegue il discorso parlando di aver fatto un sacco di controlli per la possibilità di una malattia al cuore, ma fortunatamente questa infiammazione se c’è andata e le cose sono migliorate e ha avuto il permesso per rimettersi in forma e tornare a lottare a Raw.

A nome di tutti ci permettiamo di dire: grazie Keith Lee per aver condiviso questa parte delicata della tua vita con noi e siamo davvero grati di averti ancora qui con noi, because you are LIMITLESS.