WWE, Hall of Fame sorprende: "Voglio che Kofi Kingston venga annientato"



by   |  LETTURE 3070

WWE, Hall of Fame sorprende: "Voglio che Kofi Kingston venga annientato"

Nelle ultime settimane la WWE ha annunciato che nel Pay per View di Money in the Bank, che, si terrà il prossimo 18 Luglio il WWE Champion Bobby Lashley difenderà la cintura contro Kofi Kingston. Poche settimane prima di Hell in A Cell Kofi ha battuto The All Mighty in un Singles Match non valido per il titolo e subito dopo HIAC il membro del New Day è apparso a Monday Night Raw per 'riscuotere' chiedendo una sfida che Lashley ha subito accettato.

I due ora si sfideranno con il titolo in palio e c'è tanta attesa per questo match. Nel corso del suo consueto podcast Hall of Fame la leggenda della compagnia ed ormai wrestler Booker T ha parlato di questo incontro ed ha discusso di come, a suo parere, questa sfida dovrebbe terminare.

Booker T sul match tra Kofi Kingston e Bobby Lashley

L'Hall of Fame della WWE ha detto parole che per certi versi potrebbero addirittura risuonare come sorprendenti. Ecco le sue dichiarazioni:
"Spero che Bobby Lashley annienti e riempia di sangue Kofi Kingston come dovrebbe fare un peso massimo.

Devo andare lì fuori e distruggerlo fin quando questi in ginocchio possa cosi supplicarlo di smettere. Penso che questa storyline debba andare in questo modo, un po' come se il WWE Champion stesse suonando 'Beat the Clock' (ovviamente Booker T ride).

Ad ogni modo deve essere un match veloce dove il campione deve confermarsi senza alcun patema. Non deve esserci incontro, io penso e spero che il match si concluda così"

Kofi Kingston è molto apprezzato nel backstage della WWE ed è un Babyface per cui il pubblico fa spesso il tifo.

In una recente intervista Big E, ex compagno di Kofi nel New Day, ha fatto un importante dichiarazione:

"Ad un certo punto Kofi voleva essere un Heel ma non riusciva a causa del suo volto da Babyface perenne. Nessuno si era reso conto del suo malessere, nemmeno io e non l'ho capito fin quando non ci ha detto che stava pensando di ritirarsi. Sentiva di essere in un punto della sua carriera bloccato"