WWE: Booker T nomina la sua star del futuro nel wrestling



by   |  LETTURE 1771

WWE: Booker T nomina la sua star del futuro nel wrestling

La leggenda e due volte Hall Of Fame della WWE, Booker T, è una persona che solitamente non le manda a dire, molto critico su tanti aspetti della disciplina e nei confronti di molti wrestler. Forse è anche per questo che spesso lo vediamo a commentare i ppv nello show che li anticipa, perché sicuramente è quello che ha il ruolo di colui che è un po’ più serio e duro nel giudicare le situazioni.

Ad inizio mese ad esempio queste erano le parole che ha riservato ad uno dei recenti atleti rilasciati dalla WWE, Aleister Black: “Per me, Aleister Black non era un ragazzo che faceva la differenza, che non emergeva dal resto dei ragazzi dello spogliatoio”.

Però si è ritrovato anche ad elogiare star, come ad esempio Roman Reigns, dicendo di lui: “Questo è il mio ragazzo ed è sicuramente il wrestler numero uno del settore in questo momento” e se volete approfondire le sue parole le trovate nel nostro articolo WWE, Booker T: "Ecco perché Roman Reigns è il migliore nel nostro settore”.

Ma non si è limitato solo a Reigns, infatti ha voluto anche fare il nome di un wrestler di NXT che lui reputa avere grandi capacità per sfidare anche wrestler più grandi di lui.

Booker T elogia Adam Cole

Parlando durante un episodio di Rasslin’ with Brandon F.

Walker, Booker T ha parlato di Adam Cole come il futuro del wrestling, analizzando anche un paragone che lo riguarda: “Amico, ci sono tanti ragazzi giovani la fuori, e il panorama del business è cambiato. I ragazzi grossi non sono così rilevanti oggi.

Non vedo l’ora di vedere quanto lontano andrà Adam Cole. Le persone lo mettono sempre a confronto con il tipo di worker che è Shawn Michaels e penso davvero che un ragazzo come Adam Cole, anche se è un ragazzo piccolo, sarà in grado di lavorarsi wrestler più grandi della propria taglia, come uno Shawn Michaels”.

Sicuramente Booker T ha ragione su una cosa: il wrestling oggi per fortuna è cambiato, in modo da dare più opportunità anche a chi non è una montagna di muscoli.