WWE, Aleister Black: "Paul Heyman mi disse che sono avanti di 5 anni nel wrestling"



by   |  LETTURE 3497

WWE, Aleister Black: "Paul Heyman mi disse che sono avanti di 5 anni nel wrestling"

Il nome che i fan stanno gridando più a squarciagola nell'ultimo periodo, tentando di convincere la WWE a riprendere il suo talento recentemente rilasciato, è quello di Aleister Black. Nell'ultima ondata di licenziamenti arrivata solo qualche giorno fa, la WWE ha voluto andare a tagliare i contratti di importantissimi atleti che ancora facevano parte di alcune storyline del main roster, eliminando quindi dai suoi brand nomi famosissimi come quelli di Lana, Braun Strowman o Aleister Black.

Proprio Aleister Black, che adesso è tornato a farsi chiamare Tommy End, il suo nome d'arte utilizzato fino a prima dell'approdo sui ring della compagnia di Stamford, sarebbe stato quello rimasto più amareggiato e sorpreso dal suo licenziamento, visto che c'erano importanti piani per rivederlo in scena in quel di Friday Night Smackdown, che la WWE aveva preparato solo qualche settimana prima del suo rilascio.

Nelle ultime ore, sembrerebbe che diversi personaggi e dirigenti all'interno della WWE, vorrebbero riavere il più presto possibile le prestazioni di Aleister Black all'interno della compagnia, spingendo appunto il Chairman a riassumerlo in breve tempo, prima che firmi un importante accordo con qualche altra compagnia mondiale.

Paul Heyman sostenne più volte Aleister Black in WWE

Nel corso della sua ultima intervista rilasciata ai microfoni di Oral Sessions, il podcast di Renee Paquette, l'ex Renee Young della WWE, Aleister Black ha voluto rivelare:

"Mi contattò il giorno stesso che accadde (il licenziamento ndr), era veramente triste.

Paul mi aveva sempre detto 'Tom, penso che tu stia avanti almeno 5 anni in questo business, sei veramente brillante in tutto ciò che fai, penso che il tuo più grande problema, molto spesso, è che sei con la testa troppo avanti e fai cose che la gente, al giorno d'oggi ancora non capisce.'

Lui continuava a crederci a queste parole, era tipo 'Ancora continuo a crederci, farai grandi cose in futuro' Ed io mi sento assolutamente lontano dall'essere finito. Sono assolutamente lontano dal chiudere la mia carriera" .

Come riportato diverse volte, anche da noi di WorldWrestling, uno dei sostenitori più grandi che Aleister Black ebbe sin dal suo primissimo giorno in WWE, fu proprio Paul Heyman, il quale, quando era a capo del creative team di Raw, fu il primo a dare un push al lottatore oscuro, facendolo arrivare molto vicino al giro titolato secondario dello show rosso della compagnia.