Paul Heyman rivela: "Ecco le due star WWE più sottovalutate"



by   |  LETTURE 3783

Paul Heyman rivela: "Ecco le due star WWE più sottovalutate"

Quando parliamo di Paul Heyman trattiamo di uno degli uomini di spicco all'interno della compagnia, colui che ha guidato l'ascesa di Brock Lesnar all'interno della compagnia e colui che negli ultimi mesi ha partecipato come consigliere aiutando la crescita del WWE Universal Champion Roman Reigns.

Il Tribal Chief ha visto il suo personaggio cambiare e dal suo ritorno a SummerSlam è diventato un autentico dominatore schiacciando chiunque si sia messo sul suo cammino. Negli ultimi mesi abbiamo visto Reigns battere Kevin Owens, Daniel Bryan e inizialmente Jey Uso, cugino che poi si è schierato dalla sua parte.

Sia con Brock Lesnar che con Roman Reigns l'apporto del Mad Genius più importante della WWE è stato fondamentale.

Le parole di Paul Heyman sulla superstar

Nel corso di una sua recente apparizione ad Virtual Highspots Meet and Greets Paul Heyman ha parlato di chi considera come le due superstar più sottovalutate in WWE.

Il noto manager ha nominato entrambi i membri degli Street Profits affermando che entrambi i wrestler sono molto sottovalutati rispetto al loro reale valore. Ecco le sue parole:

"Penso che entrambe le risposte riguardi gli Streets Profits.

Non credo e non li vedo che ottengono molto credito per i grandi show, non credo che abbiano ancora percorso il ring che loro meritano. Montez Ford ed Angelo Dawkins sono fantastici e quando li vedo insieme è davvero semplicemente magico"

Più volte gli Street Profits hanno ringraziato pubblicamente Paul Heyman per l'aiuto che lui gli ha dato e proprio recentemente i due dichiararono che entrambi devono 'la vita' a Paul. Ecco le loro dichiarazioni:
"Vogliamo dire che dobbiamo la nostra dannata vita a Paul Heyman, ragazzi.

Sia io che Angelo Dawkins gli dobbiamo più o meno le nostre vite, è sempre stato lì e Con noi dal primo giorno e ricordo il nostro primo incontro quando lui ci diede tanto della sua conoscenza e ci spiego' come funzionava la maggior parte del wrestling professionistico"