Diverse Superstar della WWE scontente delle ultime decisioni di Vince McMahon



by   |  LETTURE 1443

Diverse Superstar della WWE scontente delle ultime decisioni di Vince McMahon

Nelle ultime settimane, la WWE, ma soprattutto il suo Chairman, Vince McMahon, hanno deciso di rispedire diversi wrestler nel settore di sviluppo, o meglio al Performance Center di Orlando, per permettere a tali atleti di migliorare le loro performance, sia per quanto riguarda le abilità in-ring, sia per quanto riguarda le abilità al microfono.

Non è una cosa nuova, infatti, quella che vede Vince McMahon non amare particolarmente il lavoro di diversi atleti, con il Chairman che infatti consiglia, facendolo diventare un vero e proprio editto, ai suoi wrestler di allenarsi di più.

Nel corso degli ultimi mesi, tale trattamento era stato affidato anche a importanti wrestler come Otis, Braun Strowman, Keith Lee e diversi altri atleti massicci, i quali secondo il Chairman non erano ancora in grado di muoversi a dovere sui ring della sua compagnia.

L'ultimo editto di Vince McMahon crea diversi malumori in WWE

Secondo quanto rivelato dalle pagine del noto PW Insider, il Chairmman WWE si sarebbe tirato addosso l'ira e l'amarezza di diversi personaggi all'interno del backstage della compagnia, con i noti giornalisti che hanno infatti affermato:

"A PW Insider è stato detto che gli allenamenti potrebbero iniziare già dalla prossima settimana, fin tanto che anche i loro match riescano a migliorare, rendendo i wrestler più brillanti.

Si pensa come al solito, che questo sia uno dei soliti editti di Vince McMahon. Gli allenamenti avranno luogo i giorni in cui gli atleti non saranno impegnati con con i tapings tv" . Il problema riscontrato dai talenti della WWE che sono stati coinvolti in questo progetto, è appunto quello che li vede impegnati anche in giorni della settimana che prima venivano considerati liberi e adesso sono invece occupati da questi allenamenti, che il Chairman vuole obbligatoriamente, per permettere loro di essere pronti al massimo, già dal primo live event nella quale tornerà il pubblico dal vivo.

Ancora una volta, Vince McMahon va per la sua strada, pretendendo che i suoi atleti lo seguano, creando non poche difficoltà a loro e alle loro famiglie.